in ,

Omicidio Isabella Noventa news: Manuela Cacco per i giudici è credibile, ecco perché

Omicidio Isabella Noventa ultime notizie: Manuela Cacco l’unica del trio diabolico condannato per il delitto della segretaria di Albignasego, ritenuta dai giudici ‘credibile’, diversamente dai suoi complici Freddy e Debora Sorgato che, trincerati dietro un complice silenzio, non hanno mai rilevato come, dove e perché Isabella è stata uccisa, né hanno permesso che il su cadavere venisse ritrovato.

A sostenerlo i giudici di primo grado, che nelle motivazioni della sentenza appena depositate definiscono “una ricostruzione coerente” quella fornita dalla tabaccaia di Camponogara che, seppur complice dei fratelli Sorgato, ha collaborato con gli inquirenti permettendo inoltre che i due fratelli venissero incriminati e condannati a 30 anni di carcere.

caso noventa ultime notizie ricerche corpo

La sua una versione logica e non contraddittoria che si sarebbe incastrata con il quadro probatorio messo in piedi dagli inquirenti, con la ricostruzione delle varie fasi del delitto che la Procura è riuscita a fare grazie a tutta una serie di indizi importanti a carico degli indagati. Anche grazie a Manuela Cacco, quindi, il Gup di Padova si è convinto della colpevolezza dei fratelli Sorgato che la notte fra il 15 e il 16 gennaio 2016 avrebbero ucciso Isabella Noventa. Il vero movente del delitto a d oggi non lo si conosce.

Freddy e Debora sono stati condannati a 30 anni di carcere per omicidio aggravato dalla premeditazione e soppressione di cadavere, pena ridotta di un terzo per via del rito abbreviato. A Manuela Cacco inflitti 16 anni e 10 mesi perché, pur avendo partecipato alla ideazione del delitto e alla fase di depistaggio, indossando gli indumenti della vittima per far credere che si fosse allontanata volontariamente, ha collaborato con gli inquirenti e non era sul posto (la villa di Freddy a Noventa Padovana) quando Isabella sarebbe stata uccisa.

>>> Potrebbe interessarti anche —> Isabella Noventa news: nei sacchi di calce sequestrati la verità sul suo cadavere? Novità su nuove indagini <<<

Gli sms scambiati dal trio una prova pesante che li ha inchiodati

Ecco i messaggi che provano la complicità dei tre nelle fasi precedenti il delitto, prova che anche la Cacco fosse a conoscenza della pianificazione del delitto: il 9 gennaio 2016 la Cacco a Freddy: “… Porta pazienza tra poco sarà tutto finito”; la Cacco a Debora poche ore prima del delitto: “Freddy è sulle spine. A quest’ora domani sarà tutto sistemato”. Poi le frequenti telefonate, i giri in auto e gli incontri nella notte subito dopo l’omicidio, la notte a cavallo fra il 15 e 16 gennaio (i fratelli Sorgato nella Golf di Debora, la tabaccaia veneziana alla guida della sua Polo.

Manuela Cacco accusa Debora del delitto

La tabaccaia prima ha ammesso la messinscena il 15 febbraio 2016, dà una dettagliata ricostruzione dell’omicidio (così come glielo avrebbe raccontato Debora) prima il 25 febbraio e poi il 7 marzo 2016, poi completata con nuovi particolari più dettagliati l’8 settembre, chiamando in causa Deboa Sorgato: “Debora mi disse ‘Ho ucciso Isabella con due colpi di mazzetta e le ho infilato un sacchetto in testa”.

Anticipazioni Uomini e Donne trono classico: Mattia Marciano ha fatto la sua scelta

Chiara Ferragni incinta

Chiara Ferragni incinta: gravidanza confermata e nome scelto, sarà un maschietto