in ,

Omicidio a Legnano: 38enne ucciso a colpi di pistola

Sette colpi di pistola o forse più. Così è stato ucciso questa mattina a Legnano, sotto casa, un uomo di 38 anni, Gennaro Tirino, originario di Napoli ma residente a Castellanza. Il grave fatto di sangue è avvenuto in via Tasso, una zona periferica della città, dietro ad una concessionaria di auto e non lontano dalla locale sede dell’Inps.

Il corpo dell’uomo riverso a terra è stato ritrovato da alcuni passanti attorno alle 8:30: subito sono stati allertati i soccorsi ed i Carabinieri, ma all’arrivo dei sanitari per il 38enne non c’era più nulla da fare. Polizia e Carabinieri sul posto stanno operando gli accertamenti del caso. Il corpo di Gennaro Tirino presentava diverse ferite di arma da fuoco alla testa. Contro di lui sono stati esplosi diversi colpi di pistola, probabilmente sette. La vittima aveva precedenti. Nei giorni scorsi era stato denunciato dalla ex compagna per maltrattamenti. L’indagine è coordinata dal procuratore della Repubblica del Tribunale di Busto Arsizio, Nicola Rossato.

Secondo una prima ricostruzione chi ha sparato in via Tasso a Legnano sarebbe arrivato ad un parcheggio nella non lontana via XX settembre a bordo di una Bmw bianca. Una volta scesa dall’auto e si sarebbe poi diretto in via Torquato Tasso, dove avrebbe iniziato a litigare con il 38enne per poi sparargli. A lanciare l’allarme sono stati alcuni passanti.

(ultimo aggiornamento mercoledì 27 settembre 2017, 12:00)

Written by Andrea Monaci

48 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it, ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto tra gli altri per il "Lavoro e Carriere" e "Il Secolo XIX". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Dove vedere PSG-Bayern Monaco

Diretta PSG – Bayern Monaco dove vedere in tv e streaming gratis Champions League

di maio m5s news

Di Maio M5S news, Toninelli: «E’ solo un capitano di squadra, Grillo resta garante»