in ,

Omicidio Luca Varani, news autopsia: torturato 100 volte con martello e coltelli

Torturato senza pietà, con ferocia e disumanità che solo nei film horror è possibile concepire, proprio perché sappiamo essere finzione cinematografica.

La triste sorte che invece è toccata a Luca Varani è realtà, cronaca sconcertante di cui oggi apprendiamo ulteriori raccapriccianti dettagli. Il 27enne ucciso lo scorso 5 marzo a Roma in un appartamento di via Igino Giordani al Collatino, da Manuel Foffo e Marco Prato, “morì dopo essere stato torturato con 100 colpi tra martellate e coltellate”.

Questo quello che emerge dall’esito definitivo dell’autopsia, consegnata quest’oggi in Procura a Roma, che avrebbe accertato il decesso sopraggiunto per dissanguamento per le plurime ferite riportate. Luca Varani sarebbe stato torturato per due ore e avrebbe subito circa 20 martellate al capo e alla bocca. Il resto delle ferite, su tutto il corpo. Trenta di quelle lesioni sarebbero state fatte con un’arma da taglio al solo scopo di procurargli sofferenza.

A compiere il massacro entrambi gli indagati: sia Manuel Foffo che Marco Prato avrebbero impugnato quelle armi, lo proverebbe il risultato dell’autopsia svolta sulla vittima in incidente probatorio, che diventerà prova al processo contro i due imputati.

Malagò Presidente Coni

Olimpiadi Roma 2024, il comitato Promotore attacca Virginia Raggi: “Non ha il coraggio di assumersi le proprie responsabilità”

iphone 7 problemi sibilo

iPhone 7 prezzo uscita news: come Samsung Galaxy Note 7, anche il device Apple ha problemi