in

Omicidio Manuela Bailo: l’amante ritratta e fa nuova confessione

Omicidio Manuela Bailo ultime notizie: clamoroso, l’amante Fabrizio Pasini dopo il rigetto da parte del Riesame della sua richiesta di arresti domiciliari, ha ritrattato la confessione di colpevolezza rilasciata al magistrato lo scorso 20 agosto, giorno del suo arresto. “Io e Manuela non abbiamo litigato per il tatuaggio con le iniziali dei miei figli” – ha detto il 48enne al suo legale, l’avvocato Pierpaolo Pettenadu – “Quella notte era già tardi, volevo tornare da mia moglie e lei non mi faceva rientrare. Urlava, temevo svegliasse lo zio che dormiva al piano di sopra. Così l’ho spinta dalle scale. Ma non l’ho sgozzata”.

La lite tra lui e la donna con cui da due anni aveva una relazione extraconiugale sarebbe iniziata diverse ore prima del delitto, avvenuto nella casa della madre di lui in via Allende a Ospitaletto, in un ipotetico arco temporale che va dalle 4 alle 6 del mattino dello scorso 9 luglio. La discussione secondo Pasini darebbe scoppiata dopo l’uscita dal pronto soccorso: Manuela alle 2 lo aveva accompagnato in ospedale a Brescia perché si era incrinato una costola. In quali circostanze non è mai stato chiarito. Gli amanti alle 4 hanno fatto ritorno nella villetta ad Ospitaletto, li inquadra una telecamera: “Lei si è impuntata, voleva riprendersi gli occhiali che aveva dimenticato. Era tardissimo, mia moglie continuava a telefonare e Manuela urlava. Non accettava di fare l’amante. Ci eravamo già lasciati per questo a settembre 2017”, ha riferito Pasini durante la sua nuova confessione.

Per la procura di Brescia invece si sarebbe trattato di un omicidio premeditato. Pasini avrebbe dapprima colpito alla testa e stordito la vittima, poi l’ha finita con una coltellata alla gola. “La carotide destra di Manuela può essere stata recisa dalla corda utilizzata per sollevare il cadavere dalla vasca di Azzanello”, dice invece in merito la difesa di Pasini.

Potrebbe interessarti anche: Manuela Bailo news amante presunto killer: pericoloso, potrebbe uccidere ancora

“Tutto può succedere 4” ci sarà: l’indiscrezione su Instagram

In Italia scatta l’allarme dalla sanità: “Siamo arrivati a più di un centinaio di casi”. La malattia di “Lyme” si sta diffondendo a macchia d’olio