in ,

Omicidio Maria Ungureanu: chi da anni abusava di lei? Le ultime news sulle indagini

“Abbiamo ricostruito tutte le conoscenze della nostra bimba e le sue ultime ore. Chi l’ha uccisa la conosceva bene”. Ne sono convinti Andrea e Marius Ungureanu, i genitori della piccola Maria Ungureanu, sentiti per 9 ore davanti al procuratore di Benevento che si sta occupando delle indagini. Interrogata in qualità di persona informata sui fatti anche la madre di Daniel Ciocan, il 21enne rumeno principale indiziato (e indagato) per il delitto. L’accusa per lui è di omicidio e violenza sessuale in concorso con la sorella 29enne. Anche la donna e il compagno sono stati sentiti per ore dagli inquirenti.

“In questi casi sono importanti anche piccoli dettagli che possono sfuggire quando si è sentiti nell’immediatezza di una tragedia come quella di cui è rimasta vittima la bambina” , ha dichiarato Fabrizio Gallo, avvocato dei genitori di Maria. I coniugi non hanno nulla da nascondere, ha ribadito il legale, sottolineando il loro atteggiamento collaborativo nei confronti degli inquirenti e la necessità di questi recenti ulteriori accertamenti indispensabili alle indagini. Per l’avvocato è quasi impossibile che nessuno, in un così piccolo centro abitato dove tutti si conoscono, abbia visto qualcosa la sera del delitto. Per questo si è detto convinto che nuovi elementi emergeranno in virtù della collaborazione della cittadinanza.

Leggi anche: Omicidio Maria Ungureanu news indagini: cani molecolari fiutano tracce ‘interessanti’

Per il resto solo dubbi, misteri e pochissime certezze. Il più importante nodo da sciogliere riguarda soprattutto le presunte violenze sessuali pregresse i cui segni sarebbero stati rinvenuti nel corso dell’esame autoptico effettuato sul cadavere della giovane vittima. E un interrogativo atroce: se chi l’ha uccisa non ha abusato di lei (le indagini avrebbero infatti chiarito che Maria non fu violentata prima di morire), chi allora da anni la violentava?

Save the children lavora con noi

Save The Children lavora con noi 2016: posizioni aperte a Roma e Milano

disturbo bipolare morta suicida

“Ha amato la vita”: un padre in lutto scrive del suicidio della figlia malata mentale