in ,

Omicidio Meredith: Raffaele Sollecito assolto anche da accusa di vilipendio a forze dell’ordine

Omicidio Meredith ultime news: dopo il ‘no’ della Corte di Cassazione che lo scorso 30 giugno ha rigettato l’istanza dei suoi legali che chiedevano un risarcimento di mezzo milione di euro per ingiusta detenzione, un tribunale si pronuncia ancora una volta nei riguardi Raffaele Sollecito. La materia, stavolta, è diversa.

>>> Omicidio Meredith, no risarcimento a Raffaele Sollecito, lui: “Ingiustizia, io senza lavoro per ciò che è successo” <<<

Raffaele Sollecito – assolto in via definitiva insieme ad Amanda Knox dall’accusa di omicidio nei confronti della studentessa inglese, Meredith Kercher – oggi 25 ottobre è stato assolto anche dall’accusa di vilipendio alle forze dell’ordine in relazione ad alcuni passaggi del libro “Honor bound, il mio viaggio all’interno e ritorno con Amanda Knox”, pubblicato negli Stati Uniti.

Il giudice unico di Firenze ha infatti stabilito che “Il fatto non sussiste”; stessa sentenza anche per il co-autore del libro, lo scrittore americano Andrew Gumbel. Raffaele Sollecito era stato anche accusato di diffamazione nei confronti del magistrato perugino Giuliano Mignini, il quale poi ritirò a querela nei suoi confronti. Caduto dunque anche quel capo di imputazine.

Il commento dei legali di Sollecito dopo l’assoluzione

“Con questo libro” – ha detto l’avvocato Alfredo Brizioli, che insieme alla collega Francesca Bacecci ha difeso l’ingegnere pugliese – “Raffaele ha voluto dire la sua verità. Abbiamo dimostrato ancora una volta l’innocenza di Raffaele Sollecito. Si è chiusa un’altra pagina legata alla dolorosa vicenda dell’’omicidio di Meredith Kercher e Raffaele è stato ancora dichiarato estraneo ai fatti”.

>>> TUTTO SUL DELITTO MEREDITH KERCHER <<< 

Il libro in questione è scritto in inglese e non è stato pubblicato in Italia: in quelle pagine Raffaele Sollecito ha ricostruito la vicenda giudiziaria che lo ha visto coinvolto. Il magistrato Mignini, che coordinò le indagini sul delitto, aveva però sporto querela sentendosi diffamato in alcuni passaggi che lo riguardavano. Nel corso del procedimento era stata sequestrata l’unica copia del libro presente in Italia, regalata da Sollecito a un docente universitario che lo aveva seguito nella laurea. A fine processo il giudice di Firenze ha revocato siffatto provvedimento.

PASTORI RUMENI UCCISI

Duplice omicidio Chivasso news: pastori uccisi per punizione

processo marco vannini news

Morte Marco Vannini Chi l’ha visto?: Viola Giorgini aggrava la posizione dei Ciontoli, emerge dettaglio clamoroso