in ,

Omicidio Monni ultime news: vacilla l’alibi del sospettato minorenne

Anche nell’inchiesta sull’omicidio di Gianluca Monni, legata a doppio filo alla giallo della scomparsa di Stefano Masala, 28enne di Nule (Nuoro), di cui non si hanno notizie dalla sera del 7 maggio, importanti verità potrebbero emergere dai tabulati telefonici.

I movimenti dei tre sospettati del delitto dello studente 19enne, infatti, sono da settimane al vaglio degli inquirenti, i quali li starebbero incrociando e comparando con le telefonate in entrata e in uscita dai lor rispettivi cellulari. Ebbene, come trapelato dalla stampa locale che aggiorna quotidianamente il caso, dalle ultime indiscrezioni sembrerebbe che gli alibi dei tre, in particolar modo quello del minorenne sotto torchio da giorni, starebbero iniziando a vacillare. La mamma del 17enne ha sempre sostenuto “mio figlio era in casa con me quella mattina”, ma evidentemente la sua versione dei fatti non ha convinto in toto gli inquirenti.

Qualcosa non quadrerebbe nella ricostruzione dei fatti relativi alla sera e notte del 7 maggio e alla mattina dell’8, quando Gianluca Monni fu brutalmente assassinato a Orune, davanti la fermata dell’autobus. Secondo quanto riportato dall’Unione Sarda, infatti, vi sarebbero troppe sospette incongruenze nel racconto dei tre giovani coinvolti nella vicenda che, tuttavia, non risultano al momento indagati. I primi dati emersi dai tabulati smentirebbero alcune dichiarazioni fatte ai carabinieri durante gli interrogatori seguiti al delitto di Monni, ed è su questo che si starebbe concentrando il lavoro della Procura.

Amici 14 ecco chi sono i finalisti

Amici 14 settima puntata Serale del 23 Maggio 2015: ecco cosa è successo (foto)

gonne estate 2015 tendenze moda 2015

Tendenze moda primavera estate 2015: la gonna lunga è must have, gli abbinamenti migliori per un look perfetto