in

Omicidio Noemi Durini: genitori di Lucio Marzo sotto indagine, accuse e sospetti

Omicidio Noemi Durini news: sui genitori di Lucio Marzo, ex fidanzato della vittima e reo confesso del delitto, saranno effettuate nuove indagini. Lo ha deciso lo scorso 18 dicembre il gip di Lecce, Vincenzo Brancato, che ha rigettato la richiesta di archiviazione presentata dal sostituto procuratore della procura di Lecce in merito alla posizione di Biagio Marzo e Rocchetta Rizzelli, i genitori di Lucio, il 18enne in carcere (e condannato in primo grado a 18 anni e 8 mesi di reclusione) per l’omicidio della sua fidanzata Noemi Durini, uccisa a 16 anni, scomparsa il 3 settembre 2017 e da lui fatta ritrovare cadavere dieci giorni dopo.

L’ipotesi della Procura è che i coniugi siano stati in qualche modo coinvolti dal figlio dopo l’omicidio. Ad opporsi con forza alla archiviazione del fascicolo a carico di Biagio e Rocchetta i genitori di Noemi Durini, convinti che Lucio sia stato da loro aiutato a sopprimere il corpo della loro figlia e chissà cos’altro. Il 18enne di Montesardo, a detta loro, non avrebbe fatto tutto da solo. “Il giudice ha accolto la nostra richiesta e non archivierà l’inchiesta sui genitori di Lucio, l’assassino di Noemi. Siamo sempre stati convinti, e oggi lo siamo ancora di più, che il killer non abbia agito da solo. E’ impossibile. Sono altresì convinta che le nuove indagini disposte dalla magistratura chiariranno ogni aspetto riguardante gli eventuali complici dell’omicidio”, queste le parole di Roberta Bruzzone che ha parlato in qualità di consulente della madre di Noemi.

omicidio noemi durini news

A breve saranno acquisiti i dati del traffico telefonico dei cellulari dei coniugi Marzo, le immagini degli impianti di sorveglianza che hanno inquadrato la vettura della famiglia Marzo transitare due volte la mattina del delitto in orari che non collimerebbero con la ricostruzione dei fatti da loro fornita a inizio indagini; verranno analizzati anche altri massi con i quali il killer ha coperto la giovane ancora agonizzante, al fine di verificare se vi siano tracce biologiche degli indagati. Si apprende che sono stati inoltre disposti degli accertamenti biomolecolari sugli indumenti della vittima, sempre allo scopo di individuare eventuali tracce biologiche dei genitori di Lucio Marzo.

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Noemi Durini news: incastrato da un fotogramma, il padre di Lucio cambia versione

 

wanda nara lascia di stucco i fan senza camicia backstage

Wanda Nara Instagram: in posa con la sorella Zaira (quasi) più bella di lei (FOTO)

Elisabetta Gregoraci a Vieni da me: la showgirl si commuove durante l’intervista della Balivo