in ,

Omicidio Noemi news, genitori pronti a dare battaglia per avere giustizia: ecco chi li rappresenterà

Omicidio Noemi Durini, una tragedia che si poteva evitare. Che il fidanzato della 16enne di Specchia, uccisa lo scorso 3 settembre, fosse violento era noto in paese. Tutti sapevano della sua morbosa gelosia nei confronti della fidanzatina, sapevano che la maltrattava, la picchiava; i genitori di Noemi avevano più volte denunciato il 17enne reo confesso del delitto alle autorità competenti, ma nessun provvedimento era stato preso in merito.

Il ministro Orlando ha mandato degli ispettori perché sarebbero state accertate delle condotte abnormi: questo fatto è di una gravità inaudita, perché sono delle violenze e delle morti evitabili se così è”, ha ribadito l’avvocato Giulia Bongiorno ieri, durante un intervento ad Agorà, trasmissione di Rai T3. Il noto legale ha inoltre confermato di rappresentare la famiglia di Noemi, i cui funerali si sono svolti ieri pomeriggio a Specchia. La madre ha preso parola durante le esequie, promettendo alla figlia di combattere perché lei abbia giustizia.

Avvocato Giulia Bongiorno:

>>> Gli ultimi aggiornamenti sull’omicidio di Noemi Durini, leggi <<<

“Questa vicenda avrà due aspetti l’aspetto della responsabilità dell’autore e l’aspetto della verifica di eventuali omissioni di coloro che pur avendo una mano la richiesta di aiuto della mamma non hanno fatto nulla”, ha precisato l’avvocato Bongiorno dando una anticipazione di come intenderà muoversi nella difesa della famiglia della vittima.

I genitori di Noemi Durini:

Potrebbe interessarti anche —> Omicidio Noemi news cause morte: colpita con mezzi diversi, in corso ulteriori accertamenti

“Nei prossimi giorni vedrò la madre di Noemi, che in questa vicenda in realtà si staglia come figura che aveva intuito con grande nitidezza la pericolosità. La mamma di Noemi mi ha raccontato di quelli che sono stati i suoi tentativi di ottenere aiuto da parte dell’autorità giudiziaria e del fatto che non ha mai avuto nessun tipo di aiuto e di collaborazione. Ci sono delle denunzie”. Intanto il 17enne reo confesso del delitto è stato trasferito nel carcere minorile di Cagliari, dove sarà curato. Il suo avvocato ha chiesto infatti per lui una perizia psichiatrica.

 

Replica Pechino Express 2017 terza puntata 20 settembre: come vedere il video integrale

Aggiornamento iOS 11 download e problemi: tutte le info utili sulle novità Apple