in ,

Omicidio Pordenone: avvocato famiglia Ragone punta il dito contro i commilitoni di Trifone

Trifone Ragone è stato tradito. Tradito due volte. Lo ha detto Nicodemo Gentile, avvocato della famiglia del giovane giustiziato a Pordenone insieme alla fidanzata il 17 marzo scorso, a Il Messaggero Veneto.“Chi portò la bara non disse tutto ai Pm”. Con queste parole non fa mistero di puntare il dito contro i commilitoni di Ragone ma in particolar modo Giosuè Ruotolo, l’unico sospettato del delitto e indagato insieme alla fidanzata, Rosaria Patrone, che per l’accusa lo avrebbe istigato a compiere il duplice omicidio.

Il dolore e la rabbia delle famiglie delle vittime ormai non si contiene più, basti pensare allo sfogo della mamma di Trifone, qualche settimana fa, davanti alle telecamere di Chi l’ha visto?. “Dopo quasi un anno di indagini possiamo affermare con certezza che Trifone Ragone è stato assassinato da qualcuno che conosceva bene, che apparteneva ai suoi contatti costanti e quotidiani” – asserisce l’avvocato Gentile convinto di sapere chi è il colpevole“Oltre
a essere un duplice omicidio di rara crudeltà e ferocia, questo delitto racconta la storia di un doppio tradimento dell’amicizia e della fiducia”.

Il legale sottolinea inoltre la gravità del fatto che “persone che ancora oggi vestono la divisa hanno portato la bara di Trifone, eppure agli inquirenti, all’inizio delle indagini, non hanno raccontato tutta la verità su quella sera fatale”. Poi, sposando il quadro accusatorio della Procura di Pordenone, si dice convinto che il movente del delitto sia di natura passionale: Trifone Ragone e Teresa Costanza sarebbero stati giustiziati “da qualcuno che conosceva bene, che apparteneva ai suoi contatti costanti e quotidiani. Oltre a essere un duplice omicidio di rara crudeltà e ferocia…”.

Infine mostra fiducia sull’esito delle indagini che, come sappiamo, sono quasi giunte a compimento, eccezion fatta per la perizia informatica sui pc della caserma De Carli di Cordenons, dove all’epoca dei fatti prestavano servizio la vittima e l’indagato, dai quali molto probabilmente qualcuno inviò a Teresa messaggi molesti  da un falso profilo Facebook creato appositamente per infastidire e destabilizzare la coppia di fidanzati: “Auspichiamo che inizi una nuova fase dell’inchiesta dopo l’arrivo dei risultati della consulenza informatica, attesi nelle prossime settimane, a fronte di un quadro indiziario (quello a carico di Giosuè Ruotolo ndr) che riteniamo pesante”.

adele album 25, adele cantante, adele hello, adele nuovo disco, adele h trailer, adele lyrics hello, adele new album,

Brit Awards 2016: Adele e Justin Bieber conquistano la scena dell’O2 Arena di Londra

Curry Finals NBA Golden State

Nba risultati e highlights della notte: LeBron e Curry si sfidano a distanza, Parker prova a inserirsi