in ,

Omicidio Pordenone: news arma delitto, individuata provenienza

Sarebbero state isolate dagli inquirenti sei pistole semiautomatiche sospette vendute da un’armeria di Cremona durante il Ventennio fascista appartenenti al Lotto della Beretta 7.65 che il 17 marzo scorso fu utilizzata per uccidere Trifone Ragone e Teresa Costanza. Ne dà notizia Il Gazzettino.it. Quell’arma era stata ritrovata a settembre sul fondo del laghetto del parco di San Valentino, a Pordenone, dai carabinieri del Nucleo investigativo, e subito sottoposta ad accertamenti di cui ad oggi non si ha ancora notizia.

L’identificazione di sei armi sospette avrebbe una grande importanza nelle indagini, giacché potrebbe portare alla identificazione del primo proprietario della pistola che ha ucciso i fidanzati di Pordenone. Ma l’impresa sarà ardua.

>>> Leggi tutto sul duplice omicidio di Pordenone

Si tratta di un modello brunito del brevetto 1915/19, poi riverniciata di nero per coprire le tracce di ruggine, fabbricata nel 1922 e finita all’Armeria Galli Giuseppe di Cremona. Ne vennero prodotte 20, ma i registri sui quali furono annotati i nomi dei primi possessori sarebbero andati perduti, pare bruciati durante un incendio. A chi appartennero quelle 20 pistole?

Candice Accola incinta: la foto che commuove i fan di The Vampire Diaries

Pensioni 2017, pensioni anticipate, Cesare damiano lancia un appello a Matteo Renzi e a Paolo Gentiloni

Riforma pensioni 2016 ultime notizie: flessibilità e Quota 41, Cesare Damiano augura che Renzi mantenga gli impegni