in ,

Omicidio Pordenone news: Giosuè Ruotolo incastrato dal racconto del suo coinquilino?

I movimenti di Giosuè Ruotolo, indagato per il duplice omicidio di Pordenone, la sera in cui Teresa e Trifone furono uccisi ricostruiti nei minimi dettagli dai suoi due coinquilini. Gli stessi ragazzi che dal 17 marzo al 23 settembre avevano sempre raccontato agli inquirenti che il 26enne campano non uscì mai di casa e che trascorse del tempo a giocare con la Playstation, messi alle strette perché caduti in contraddizione hanno poi vuotato il sacco, svelando cosa realmente fece il commilitone di Trifone nella fascia oraria in cui si consumava il duplice omicidio nel parcheggio del Palazzetto dello Sport ‘Crisafulli’ di Pordenone.

A riportare le esatte parole dei coinquilini di Ruotolo, il settimanale Giallo“Sì, lo ammetto: la sera del 17 marzo, tra le 19.30 e le 19.45, ho visto Giosuè Ruotolo uscire dal nostro appartamento. Ricordo di essere rimasto sorpreso poiché non era solito uscire da solo a quell’ora” – ha raccontato uno agli investigatori – “Pertanto gli ho chiesto dove stesse andando e lui mi ha risposto: ‘Fatti i c…i tuoi’. Quando l’ho visto si era sicuramente cambiato la tuta”.

I due ragazzi avrebbero anche descritto le abitudini di Ruotolo, assicurando che di solito cena “tra le 19.15 e le 19.30”, quella sera invece mangiò più tardi, “tra le 21 e le 21.30”.

Calciomercato Milan news

Zlatan Ibrahimovic ultime notizie: compra una chiesa in Svezia da 110 milioni di corone

Ian Somerhalder Facebook, il regalo per le fan: 24 ore con l’attore di The Vampire Diaries