in ,

Omicidio Pordenone news, Giosuè Ruotolo: nuovo indizio nella sua auto

Nuove indiscrezioni emergono in merito alle indagini condotte dalla Procura di Pordenone sull’omicidio di Teresa Costanza e Trifone Ragone, giustiziati a colpi di arma da fuoco a bordo della loro auto, nel parcheggio del palazzetto dello sport Crisafulli, il 17 marzo scorso.

Per il duplice delitto è indagato il 26enne militare di Somma Vesuviana, Giosuè Ruotolo, commilitone di Trifone e suo coinquilino fino alla primavera del 2014. Molti gli indizi a suo carico che portano gli inquirenti a dubitare fortemente del suo alibi per la sera del delitto, ritrattato solo dopo le prove evidenti in mano agli investigatori che hanno appurato il giovane non si trovasse a casa quella sera, ma fosse invece proprio nella palestra luogo del duplice omicidio.

Se ancora ci fossero dubbi circa il fatto che non appartenga a Ruotolo l’Audi A3 grigia immortalata dalle telecamere lungo il tragitto palestra-parco di San Valentino, nelle ultime ore è emerso un dettaglio che fugherebbe ogni incertezza. Durante la ripetuta analisi dei fotogrammi che compromettono la posizione dell’indagato, infatti, gli inquirenti avrebbero notato un particolare che confermerebbe che la vettura nei video è quella in uso al commilitone di Trifone: un peluche sul cruscotto, lo stesso che l’indagato ha nella sua auto. Questo dettaglio lega ancora di più Ruotolo ai luoghi del delitto e dell’occultamento dell’arma usata dal killer di Teresa e Trifone. A confermare la notizia l’inviato della trasmissione “Quarto Grado” in diretta da Pordenone.

Liverpool Calciomercato Avellino

Tottenham – Liverpool, la prima di Klopp: le formazioni ufficiali

Primadonna offerte di lavoro 2015

Primadonna lavora con noi: offerte di lavoro in varie città a ottobre 2015