in ,

Omicidio Pordenone news a Mattino 5: Trifone doveva essere ‘punito’

Si segue la pista passionale nel giallo di Pordenone, la pista dell’omicidio per vendetta scaturito da un presunto corteggiamento di Trifone Ragone – che quindi doveva essere ‘punito’ – alla donna di un boss pericoloso e potente. L’indiscrezione diffusa ieri sta prendendo piede sempre di più, di ora in ora. Anche a Mattino 5, stamani, se n’è parlato.

Al vaglio degli inquirenti i dispositivi elettronici della coppia di fidanzati barbaramente uccisi nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Pordenone, lo scorso 17 marzo. La figura di Trifone e la cerchia di persone da lui frequentate al centro dell’attenzione degli investigatori, sullo sfondo quella di Teresa Costanza, ancora poco chiara. Un buco d’orario (12.30/14.30) nell’ultima giornata di vita della giovane, che fece saltare all’ultimo momento un importante pranzo di lavoro per un“sopraggiunto impegno personale”.

Dove è stata Teresa in quelle due ore? Quale imprevisto ha fatto saltare i suoi piani di lavoro? Dai tabulati telefonici, secondo quando riferito da Federica Panicucci a Mattino 5, è emerso che il cellulare della ragazza in quella fascia oraria agganciò la cella di casa sua e di Trifone, sita in via Chioggia. Teresa in quelle ore sarebbe quindi tornata a casa, perché?

Diretta Tv Juventus

Juventus – Empoli, probabili formazioni Serie A, Allegri in cerca di un regista

tendenze moda primavera estate 2015

Tendenze moda primavera estate 2015: è shiny trend ma che cos’è?