in ,

Omicidio Pordenone, news a Quarto Grado: inquietante messaggio sul cellulare di Teresa

Durante la diretta della trasmissione di Retequattro condotta da Gianluigi Nuzzi, Quarto Grado, sono emersi nuovi particolari sulle indagini relative al giallo di Pordenone. La mano di chi ha premuto il grilletto della 7.65 sparando 6 colpi contro Teresa Costanza e Trifone Ragone, appartiene ad una persona fredda, lucida e controllata. Ne sono convinti gli inquirenti che, pur non escludendo nessuna pista investigativa, sono portati a considerare come la più plausibile quella passionale.

Ed è forse proprio dalle doppie vite delle vittime, che quando la notte lavoravano come ragazzi immagine nei pub e nelle discoteche si facevano chiamare “Greta” e “Luca”, che la Procura di Pordenone pensa di estrapolare elementi utili alle indagini per arrivare alla verità su questo duplice omicidio. Durante i sopralluoghi effettuati dai Ris nell’appartamento della coppia, numerose le tracce biologiche rinvenute, tra cui impronte digitali appartenenti ad una terza persona.

La vita di Teresa e Trifone da giorni viene scandagliata a 360° dagli investigatori, nessun elemento viene scartato. Molta attenzione è rivolta ai telefonini dei fidanzati, alle conversazioni su WhatsApp. Ed è proprio da una chat tra Teresa ed un’amica che sarebbe emersa una inquietante verità: la presenza di un “pervertito” – così lo definisce Teresa nel messaggio – che l’avrebbe importunata. Un presunto stalker che le avrebbe offerto un lavoro molto remunerativo in un locale, ma che poi si sarebbe rivelato un perverso, un uomo pericoloso che lei, senza dar troppo peso alla cosa, descrive all’amica quasi con ilarità.

le tre rose di eva 4

Le Tre Rose di Eva 3 anticipazioni terza puntata 1 aprile: Alessandro salva Aurora

Veronica Panarello chiede che si indaghi tra i familiari del marito Davide Stival

Loris Stival Quarto Grado, ultime notizie: Veronica Panarello implora il marito: “Quando starai al mio fianco?”