in ,

Omicidio Pordenone news: Teresa e Trifone giustiziati da una mano ‘militare’

L’ultima novità sul giallo di Pordenone arriva da Il Gazzettino, che ha pubblicato un’indiscrezione che parla di “esecuzione militare” in relazione alla modalità con la quale il killer ha agito, il 17 marzo 2015, nel parcheggio della palestra Crisafulli di Pordenone.

Trifone non ha nemmeno avuto il tempo di reagire, perché l’assassino ha agito da vero esperto, utilizzando una tecnica militare precisa, diffusa soprattutto tra marines e militari. Teresa Costanza e Trifone Ragone sono stati giustiziati in pochi istanti, uccisi da 5 colpi sparati da una pistola semiautomatica.

Questi importanti indizi indurrebbero gli inquirenti a pensare che il killer dei due fidanzati sia un vero esperto delle armi, addestrato ad uccidere in spazi ristretti ed angusti, in maniera silente e rapida. Questi i pochi elementi certi in mano alla Procura di Pordenone, che da mesi è impegnata nella ricerca della verità.

ansia

Ansia e sedentarietà: quale legame

snoop dag arresto

Snoop Dogg arrestato in Svezia: “Colpa della polizia razzista”