in ,

Omicidio Pordenone news: titolare lavanderia smentisce Giosuè Ruotolo

Oggi a Mattino 5 si è tornati a parlare del duplice omicidio di Pordenone, che vede indagato Giosuè Ruotolo, il militare campano ex commilitone di Trifone Ragone, giustiziato a colpi di arma da fuoco insieme alla fidanzata, Teresa Costanza, la sera del 17 marzo scorso a Pordenone, nel parcheggio del centro sportivo ‘Crisafulli’.

Ruotolo, indagato a piede libero e tornato in servizio dopo 2 mesi di licenza ‘forzata’, durante l’interrogatorio aveva sempre ripetuto agli inquirenti che da tempo non vedeva né frequentava Teresa e Trifone, smentendo la testimonianza della titolare di un ristorante che invece aveva rierito di averli visti più volte insieme nel suo locale.

A tal riguardo un’altra testimone avrebbe confermato che i tre si frequentassero, anche nei giorni immediatamente precedenti al delitto. Si tratta della titolare di una lavanderia della città che, raggiunta dai microfoni della trasmissione, ha dichiarato: “Sì li ho visti, in maniera separata sì, venivano spesso qui in lavanderia. Li ho anche visti tutti e tre insieme in un centro commerciale, circa un anno e mezzo fa, con loro c’erano anche altre 7-8 persone”.

La donna ha anche dato un giudizio su Giosuè Ruotolo: “Bello, buono e educato. Mi ha sempre dato l’impressione di essere un ragazzo eccezionale, altro non posso dire”. In collegamento video dal suo studio, anche l’avvocato Rigoni Stern, legale di Ruotolo, il quale ha riferito che ad oggi non sarebbe ancora stato informato sulla natura della traccia biologica identificata dai Ris su una giacca sequestrata al suo assistito“Non ci è dato sapere di chi sia questo Dna misto, quindi è difficile stabilire verso quale orientamento vadano gli eventi e le indagini”.

gianni versace

Gianni Versace, anniversario della nascita dello stilista che cambiò la moda

Fiorentina-Sampdoria highlights Bernardeschi gol

Calciomercato Fiorentina news: Bernardeschi nel mirino del Barcellona