in ,

Omicidio Pordenone, sms shock fidanzata Giosuè: Rosaria si fingeva pazza

Emergono nuovi particolari sui deliranti messaggi che Rosaria Patrone inviava al fidanzato Giosuè Ruotolo dal novembre 2014 (periodo della lite tra Ruotolo e Trifone Ragone, che l’avrebbe aggredito e preso a pugni per aver scoperto che era lui il mittente della chat molesta alla fidanzata Teresa), e interrotti bruscamente dopo il 17 marzo 2015, giorno in cui Teresa e Trifone furono giustiziati, da Giosuè Ruotolo, secondo la procura di Pordenone.

Uno scambio durato mesi, che il Gip di Pordenone, Alberto Rossi, che ha disposto le misure cautelari nei confronti dei due fidanzati indagati per il duplice omicidio di Pordenone, ha definito “inquietante attività di simulazione”, finalizzata a depistare – in quale modo però non è stato chiarito – i messaggi anonimi inviati (da Ruotolo, per l’accusa) a Teresa Costanza dal pc della caserma di Cordenons dove prestavano servizio i due militari.

Una corrispondenza “delirante”“con palesi rappresentazioni artefatte e di contenuto delirante attuata dalla Patrone, a riprova della elevata criticità comportamentale caratterizzante la relazione tra i due soggetti” (Rosaria e Giosuè ndr) – la cui brusca interruzione è per il Gip la prova inconfutabile “che da tale giorno si è verificata nella relazione tra i due una brusca cesura”, di qui “la logica connessa conoscenza da parte della Patrone delle circostanze tali da determinarla”.

La 24enne, ai domiciliari nella sua casa di Somma Vesuviana, nei messaggi in oggetto, fingendo di essere la propria madre, il suo avvocato, la sorella, informava il fidanzato Giosuè in servizio a Pordenone di aver subito emorragie cerebrali, ricoveri per ematomi al cervello, arresti cardiaci, “perfino la morte e il ricovero in obitorio”, si leggerebbe nella ordinanza di arresto. Per gli inquirenti Rosaria agiva così, recitando “la parte della pazza”, per essere eventualmente scusata nel caso di un suo coinvolgimento nell’inchiesta (come infatti è avvenuto), pronta ad attribuirsi la paternità dello stalking a Teresa al solo scopo di proteggere il fidanzato.

Uomini e Donne anticipazioni trono classico, Lucas e la scelta: erano d’accordo

assumere professionisti starofservice

Startup, StarOfService: una piattaforma online per maker e professionisti