in

Omicidio Pordenone ultime news: emerse alcune caratteristiche fisiche del killer

“Erano le sette e tre quarti e stavo uscendo di corsa dalla palestra. Ho visto i due ragazzi, stavano salendo in macchina” – si riferisce a Trifone Ragone e Teresa Costanza il super testimone dell’inchiesta che oggi ha rilasciato siffatte dichiarazioni ai microfoni di Mattino 5“poi dopo un minuto buono ho sentito dei rumori in lontananza, mi sono sembrati dei petardi”.

Ha sentito ma non ha visto nessuna persona sospetta aggirarsi in quei minuti nel parcheggio, il runner sentito dagli inquirenti che si stanno occupando delle indagini sul duplice omicidio di Pordenone. “Non ho pensato a degli spari, succede che altre volte si sentano in giro questi scoppi…” ha poi aggiunto il giovane sentito al telefono dall’inviata di Federica Panicucci.

Intanto sarebbe emersa un’altra indiscrezione sulle indagini: il killer di Teresa e Trifone sarebbe mancino e avrebbe sparato con la mano destra. Dallo studio della traiettoria dei proiettili, inoltre, gli inquirenti presuppongono che l’assassino sia alto circa 1 metro e 75. Ma sarà l’esito della perizia balistica – atteso a giorni – sui bossoli della pistola usata dal killer a dare qualche informazione utile in più ai fini delle indagini.

Bonus bebè 2015 inps

Bonus Bebé 2015 a chi spetta? Ecco tutte le risposte

caso scazzi news

Omicidio Sarah Scazzi: possibile svolta per Cosima Serrano, grazie a una nuova perizia