in ,

Omicidio Pordenone ultime notizie: giudizio immediato per Giosuè Ruotolo?

Il gip Alberto Rossi ieri ha disposto l’ordinanza di dissequestro dei numerosi supporti informatici sequestrati a Giosuè Ruotolo, in carcere a Belluno con l’accusa di avere ucciso Teresa Costanza e Trifone Ragone.

L’Audi A3 del militare campano, invece, resta ancora a disposizione degli inquirenti. Tornano ai loro proprietari, dunque, 19 dispositivi elettronici: 3 di essi sono di proprietà di Ruotolo, 1 della madre, 2 cellulari Nokia di proprietà dell’Esercito; ancora, 2 tablet, diverse chiavette Usb, 4 pc e alcuni hard disk. Lo fa sapere Il Gazzettino, che scrive, anche: “Entro l’estate richiesta di giudizio immediato per Giosuè”.

Secondo il legale difensore di Ruotolo, Roberto Rigoni Stern, questo fatto va interpretato come “un segnale di apertura da parte dei magistrati”. Ricordiamo infatti che la difesa del militare 26enne non ha ancora avuto accesso alle copie forensi e dunque non conosce i contenuti dei disposti elettronici in oggetto. “I dispositivi informatici sono stati sbloccati. Adesso abbiamo la possibilità di analizzarli attraverso il nostro consulente, Giuseppe Dezzani”, ha detto l’avvocato di Ruotolo.

Le succitate copie forensi dovrebbero essere depositate nei prossimi giorni: l’attenzione è rivolta in particolar modo sui contenuti degli hard disk dei pc della caserma De Carli di Cordenons, dove per la Procura sarebbero state trovate le prove a carico di Ruotolo, che avrebbe inviato i messaggi anonimi molesti a Teresa Costanza, per insidiare la sua relazione con Trifone.

matteo renzi gaffe san gottardo

Matteo Renzi gaffe: “Stiamo facendo il San Gottardo”, ma è in Svizzera e la rete si scatena

radiohead

Radiohead album 2016, finalmente c’è la data di uscita: “Ecco cosa vi aspetta”