in ,

Omicidio Pordenone ultime notizie: l’ira della madre di Trifone

“Mio figlio era una persona molto religiosa, non un facinoroso che andava a fare a pugni nelle bettole! Era autorevole, un militare, e che nessuno si permetta più di infangare la memoria sua e di Teresa! Sono morti da martiri non avevano fatto mai del male a nessuno!”, con queste parole Eleonora Ragone in collegamento da Adelfia con Pomeriggio 5 ha difeso il figlio, Trifone Ragone, assassinato insieme alla fidanzata il 17 marzo 2015, a Pordenone.

La donna era visibilmente alterata, dilaniata dal dolore per la perdita del figlio, e molto infastidita dalle indiscrezioni giornalistiche che circolano da giorni, secondo cui da alcuni messaggi inviati a Teresa una settimana prima di morire, Trifone avrebbe fatto a botte con un misterioso “raschi”.

Pista investigativa, quest’ultima, mai battuta dalla Procura, che invece ritiene responsabile del delitto, Giosuè Ruotolo, e sulla quale invece il difensore del militare campano indagato vorrebbe chiedere maggiore approfondimento.

Invecchiamento pillola allunga la vita

Invecchiamento: creata un pillola in grado di allungare la vita media

uomini e donne anticipazioni

Uomini e Donne, Ludovica Valli scelta: il messaggio della sorella Beatrice