in

Omicidio Sacchi, Anastasia interrogata: «Non sapevo di avere 70 mila euro in borsa»

Le indagini sull’omicidio di Luca Sacchi si arricchiscono di nuovi dettagli: a rivelarli è Anastasia Kylemnyk, interrogata ieri, mercoledì 4 dicembre 2019. Tutta un’altra versione quella fornita dalla giovane, che sembrerebbe allontanare da sé ogni accusa, almeno le più gravi. Ammette di essere stata presente per tutta la serata, quella della notte tra il 23 e il 24 ottobre scorsi, quando il personal trainer ventiquattrenne fu freddato con un colpo di pistola. Ma del traffico di droga, di quello si dichiara totalmente all’oscuro. Raggiunta da una misura cautelare che prevede l’obbligo di firma, Anastasia è stata sottoposta ieri all’interrogatorio di garanzia, durato circa mezz’ora.

Omicidio Sacchi, Anastasia: «Non sapevo nulla del traffico di droga»

Accompagnata dall’avvocato Giuseppe Cincioni, Anastasia – interrogata sull’omicidio di Luca Sacchi – ha spiegato: «Non sapevo nulla del traffico di droga. Quella sera siamo andati al pub come al solito, ero con Luca». I soldi in suo possesso, dunque, le sarebbero stati consegnati da Giovanni Princi. Arrivato ad un certo punto della serata, le avrebbe dato un sacchetto – o una busta – contenente il denaro e le avrebbe detto di tenerlo nella borsa che gli sarebbe servito. «Non mi è neppure venuto in mente, – dice in merito alla droga – era un amico di Luca da tanto tempo, pensavo fosse una persona perbene».

Quando arrivano i mediatori di San Basilio, Simone Piromalli e Valerio Rispoli, Anastasia dice di capire che è per i soldi consegnati da Princi, ma non si allarma e anzi accetta di mostrarli quando glielo chiedono. Senza sapere di che cifra si parlasse. «La ragazza non ha mai saputo di avere 70 mila euro nella borsa», ha dichiarato l’avvocato Cincioni subito dopo l’interrogatorio. Luca Sacchi, proprio come lei, sarebbe stato un testimone inconsapevole.

Le dichiarazioni di Anastasia al vaglio della pm

«Ha fornito parecchi elementi», ha aggiunto l’avvocato; elementi che però si scontrano con le altre testimonianze. Ad ogni modo, i soldi non sono ancora stati trovati, il loro ammontare quindi è basato solo sulle testimonianze finora raccolte. Le dichiarazioni di Anastasia solo al vaglio della pm Nadia Plastina che si è presa cinque giorni di tempo per dare la sua posizione sulla richiesta di annullamento della misura dell’obbligo di firma.

Leggi anche —> Omicidio Sacchi: 5 misure cautelari, c’è anche Anastasia

Casey Stoner

Casey Stoner malattia: «Non ho più energie, ho un problema di salute»

Andrea Carletti sindaco bibbiano libertà

Sindaco di Bibbiano, torna in libertà e si sfoga: «Cinque mesi da orco, è stata durissima»