in ,

Omicidio Yara Gambirasio: ecco perché Massimo Giuseppe Bossetti non chiede il giudizio abbreviato

Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore di Mapello, accusato dell’assassinio di Yara Gambirasio, dopo il rigetto dell’istanza di scarcerazione del Tribunale della libertà di Brescia, trascorrerà in carcere anche il giorno di Natale. Detenuto da più di 4 mesi, lasciato il carcere duro e l’isolamento, non tornerà, tuttavia, a casa per riabbracciare la moglie Marita Comi e i figli, che, il giorno dell’Avvento, saranno con la mamma ed il resto della famiglia.

Il 30 di gennaio scade il termine ultimo per avanzare la richiesta di procedere con rito speciale, nella specie, l’abbreviato, rito alternativo a quello ordinario, che consente all’imputato di godere del beneficio di uno sconto di pena pari ad 1/3, qualora esso decida di essere processato allo stato degli atti. Ciò vale a dire, praticamente, in base alle prove raccolte fino a quel momento. Per procedere con giudizio abbreviato è necessario il consenso del pubblico ministero, che solitamente spinge verso l’instaurazione di un procedimento di questo tipo laddove sussistano prove evidenti e gravi contro l’imputato. Qui, prove di questo tipo ci sono, prima fra tutte, quella del Dna rinvenuto sul corpo della 13enne di Brembate.

Il Giudice per le indagini preliminari, ha addirittura descritto la condotta di Massimo Giuseppe Bossetti come “particolarmente riprovevole per la gratuità e superfluità dei patimenti cagionati alla vittima, con un’azione efferata, rivelatrice di un indole malvagia e priva del più elementare senso di pietà”. Ma l’avvocato di Bossetti, Claudio Salvagni, non ci sta, e ha già fatto sapere che la difesa non chiederà né acconsentirà a procedere con giudizio abbreviato. La difesa sarebbe ferma nelle sue posizioni, convinta dell’innocenza di Bossetti, convinta che la madre Ester Arzuffi avrebbe molto da dire e da chiarire, convinta che dietro la prova del Dna si nasconderebbe un grande mistero, un giallo nel giallo che solo Ester potrebbe spiegare, trasformando quella prova in qualcosa di non più inconfutabile. “Si va a dibattimento, nessun rito abbreviato”, ha affermato con fermezza il difensore.

Capodanno 2015 alle terme Slovenia offerte low cost, Capodanno 2015 alle terme Slovenia offerte low cost

Capodanno 2015 alle terme in Slovenia: offerte low cost

solstizio 2014 cade il 22 dicembre

Solstizio d’inverno 2014: cade il 22 dicembre, con la notte più lunga dell’anno arriva l’inverno