in ,

Orale legale Italia storia: Benjamin Franklin e la sua idea geniale

La storia della nascita dell’ora legale è abbastanza travagliata, ma il esordio è legato al nome di Benjamin Franklin, un uomo geniale, poliedrico e tra i padri fondatori degli Stati Uniti d’America. Nel corso della sua vita fu giornalista, scienziato, attivista, diplomatico e politico. A lui si devono alcune invenzioni tra cui il parafulmine e le lenti bifocali. Non ultimo, fu l’ideatore dell’ora legale.

Quella dell’ora legale fu per Benjamin Franklin un’idea continua, tra quelle da mettere in pratica subito e concepita per il risparmio energetico. Quest’uomo poliedrico visse nel ‘700, ma la sua idea venne presa in considerazione solo agli inizi del ‘900. Bisognerà attendere, infatti, il 1916, anno in cui l’imprenditore William Willet prese in carico l’idea di Benjamin Franklin riuscendo a farla passare alla Camera dei Comuni. Da quel momento, il nome ufficiale dell’ora legale sarà British Summer Time.

Nel corso dello stesso anno, anche l’Italia optò per l’ora legale, ma la sua storia fino ad oggi fu piena di alti e bassi. Già nel 1920 venne abolita, ripristinata nel 1940 e abolita nuovamente durante la Seconda Guerra Mondiale. Si stabilizzò con la nascita della Repubblica Italiana, ma anche dopo nel paese se ne continuò a parlare. Tra chi era d’accordo e chi no, il dubbio più grande era quando farla scattare. Alla fine, nel 1996, ci pensò l’Europa a risolvere il problema, prolungandola dall’ultima domenica di marzo fino all’ultima domenica di ottobre.

Seguici sul nostro canale Telegram

Anticipazioni Uomini e Donne trono classico: ecco quando ci sarà la scelta di Luca Onestini

Al Bano salute

Loredana Lecciso a Domenica Live: “Al Bano ha recuperato pienamente”