in

Oscar 2014: tra i film stranieri, Israele e la Palestina propongono due pellicole (Video)

Nella corsa ai prossimi Oscar, “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino se la dovrà vedere con le due pellicole scelte, designate e nominate per rappresentare Israele e Palestina, nella categoria Miglior Film Straniero.  Israele ha optato per “Bethlehemil debutto nel lungometraggio di Yuval Adler che ha scritto con Ali Waked.  Il film che è passato a Venezia e prima al Telluride e al Toronto nel corso del weekend ha conquistato sei Premi Ophir, ovvero l’equivalente israeliano degli Oscar, compresi: Miglior Film, Miglior Regista e al Miglior Attore Shadi Mar’i. Oscar 2014 Omar

Il film si svolge in larga parte a Gerusalemme e in Cisgiordania e si concentra su un ufficiale dei Servizi Segreti Israeliani e il suo adolescente informatore palestinese, fratello più piccolo di un attivista ricercato. Del resto Israele aveva già ricevuto, nel 2011, una nomination agli Oscar con “Footnote” di Joseph Cedar, ma non ha vinto mella categoria, perché gli hanno preferito il film iraniano “A Separation”.

Questa domenica pomeriggio il Mistero della Cultura Palestinese ha deciso di inviare, all’Academy, come rappresentanza del Paese, “Omar”. La pellicola di Hany Abu-Assad ha debuttato a Cannes nella sezione ‘Un Certain Regard’ dove ha ottenuto il Premio della Giuria. Questo thriller politico che è ambientato in Cisgiordania è anche una storia d’amore impossibile che utilizza temi quali la fiducia e il tradimento. Il suo debutto in Nord America è stato in occasione della Selezione Ufficiale al Toronto. Sarà presentato anche al New York Film Festival, al BFI London Film Festival e al Dubai International Film Festival. Per Abu-Assad non sarà una novità perché nel 2005 è stato nominato agli Oscar per il suo “Paradise Now”.

 

 

 

 

 

 

 

http://youtu.be/f_2mMxd0VWE

Seguici sul nostro canale Telegram

Katie Holmes sarà nel cast di The Giver

Luciano Ligabue, nuovo album: Mondovisione in uscita il 26 novembre