in ,

Oscar Pistorius processo, proposta una pena che farà molto discutere: tre anni di domiciliari e servizi sociali

È attesa in queste ore la conclusione del processo che vede come imputato Oscar Pistorius, l’atleta paralimpico colpevole di aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp.

Oscar Pistorius condanna 2014

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, sarebbe stato un operatore sociale del Dipartimento carcerario di Pretoria – Joli Maringa – ad avanzare in tribunale una proposta che sta già facendo molto parlare: quella di far scontare la pena a Pistorius fuori dal carcere, impegnandolo in lavori socialmente utili sedici ore al mese presso l’ospedale Little Mary o il Transvaal Museum. A sostegno della sua proposta, Maringa ha sottolineato come il servizio comunitario possa essere utile a modificare il comportamento dell’atleta, che “sembra essere molto collaborativo”.

L’ipotesi non è piaciuta al pm Gerrie Nel, che ha dovuto digerire a fatica la decisione del giudice Masipa di condannare il campione paralimpico con la “sola” accusa di omicidio colposo, stabilita con l’obiettivo di “non distruggere un individuo”, ma piuttosto di “riabilitarlo nella società”.

Intanto è atteso il turno dell’accusa, che potrebbe vedere tra i testimoni la madre di Reeva e quella dell’ex fidanzata Samantha Taylor.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Stasera in tv: Un’altra vita e Avatar

Uomini e Donne: Manfredi Ferlicchia sogna una “storia stupenda” come quella di Beatrice Valli e Marco Fantini