in ,

Padova, cameriera uccisa dal padre: “Alessia è morta perché era lesbica”

Fa discutere la dichiarazione di Mirko Zoccarato, 33enne amico di Alessia Gallo, la cameriera di San Giorgio alle Pertiche (Padova), uccisa dal padre Tiziano. “Alessia è morta perché era lesbica. Dopo quel che è successo non si può ignorare questo conflitto familiare che esisteva e per Alessia era un problema serio“, dichiara al “Mattino di Padova” l’amico di Alessia, gay dichiarato dal 2009.

Da quanto rivela Zoccarato al quotidiano emerge anche una descrizione dell’omicida-suicida, non scevra di aneddoti significativi: “La gente deve sapere chi era Tiziano Gallo: mi ha insultato e minacciato solamente perché sono un omosessuale. Mi ha incrociato al bar Centrale e mi ha detto ‘Vai via frocio di m… spero che un’auto ti tiri sotto’”.

Se ciò che è stato riferito da Zoccarato ricevesse un riscontro, sarebbe dunque da abbandonare l’ipotesi, finora maggiormente accreditata, secondo la quale Tiziano Gallo avrebbe ucciso la figlia perché malata di cancro. Questa pista era in effetti stata messa già in discussione dal medico di famiglia dei Gallo, il quale aveva affermato l’inesistenza della malattia.

Guerrina Piscaglia ultime news

Guerrina Piscaglia: in scadenza divieto di espatrio per Padre Gratien

Emma Marrone ed Elisa coach Amici 14

Amici 14 anticipazioni 13 aprile: le reazioni degli allievi prima e dopo il serale