in

Pagelle Juventus – Olympiacos, 4 novembre 2014

Le Juve ieri si giocava molto e ha vinto la sua battaglia per 3 reti a 2. Come avevamo pronosticato battagliare con l’Olympiacos non è stato facile. E il rigore cannato da Vidal nel finale complica parecchio la corsa dei bianconeri verso gli ottavi di finale. Ma non perdiamoci in preamboli e passiamo alle pagelle di Juventus – Olympiacos, 4a giornata del girone A della Uefa Champions League.

Juventus

Buffon: 6. Incolpevole sui gol dell’Olympiacos, fa bella figura anche quando prende due peri. Capitano.

Lichsteiner: 5. Toglietelo da quella difesa. Come terzino destro è un rischio ambulante.

Bonucci: 5,5. Il secondo gol lo porta sulla coscienza. Speriamo che la Juve passi il turno, altrimenti non ci dormirà la notte.

Chiellini: 5,5. Botia lo brucia come un fiammifero. Da quel momento ingaggia un duello buono al massimo per la lotta greco-romana.

Asamoah: 6,5. Dà tutto per la squadra. Bravo e generoso.

Marchisio: 6,5. Quanto è intelligente Marchisio! Centrocampista sveglio come pochi, è uno Xavi in miniatura.

(Dal 71′ Padoin: 6. Non si limita al compitino, ma cerca di fare anche bella figura. Impegnato.)

Pirlo: 7. Quando i portieri lo vedono tirare le punizioni non sanno a che santo votarsi. Potrebbero rivolgersi anche alla Madonna, ma Sant’Andrea ci metterebbe comunque una croce sopra. Divino.

Pogba: 7. Sprecone prima, fondamentale poi. Ha 21 anni e con un talento così Marotta farebbe bene a sequestrarlo pur di non lasciarlo andare via.

Vidal: 4. Quel rigore tra un mesetto potrebbe puzzare di Europa League. Il 94′ non è un bel momento per caricarsi un’intera stagione sulle spalle.

Morata: 5. Campionato sì, Champions League no. Il talento spagnolo funziona ancora a intermittenza. Da rivedere, ricalibrare, riutilizzare.

(Dal 58′ Llorrente: 7. Entra per mettere in chiaro che non è ancora arrivato il momento in cui Morata lo rottamerà. E ha ragione. Capovolge la partita a dà nuova linfa ai suoi.)

Tevez: 6. L’Apache sa fare di meglio, in ogni caso si vede che è un giocatore di categoria superiore. Nelle prossime partite europee ci sarà bisogno di lui, nella sua forma migliore.

Allegri: 6,5. Passare dal centrocampo a 5 al rombo è un’intuizione azzeccata. Sa quello che fa, l’impressione però è che almeno con l’Olympiacos una mentalità un po’ più vincente aiuterebbe.

===

Olympiacos

Roberto 6,5; Elabdellaoui 6, Botia 6,5, Abidal 5, Masuaku 5,5; Milivojevic 5,5, Ndinga 6,5 (77’ Kasami s.v.); Maniatis 5,5 (83’ Diamantakos s.v.), Dominguez 5,5 (72’ Fuster 5,5), Afellay 6, Mitroglou 5,5 . All. Michel 5,5

Vazquez inter calciomercato

Calciomercato Inter ultimissime: Vazquez alternativa per l’attacco

carlo tavecchio frase razzista

Ultime notizie Lazio Calcio, Lotito: “Il terzo posto è un sogno.”