in ,

Palermo: tra gli arresti per corruzione anche quello del commercialista delle suore Teatine

Palermo: bliz della squadra mobile che all’alba ha arrestato 16 persone, tra cui quattro dipendenti dell’Ufficio Tributi del Comune di Palermo. Gli arrestati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, istigazione alla corruzione, truffa e falso materiale. Tra i fermati c’è anche il commercialista delle suore Teatine con l’accusa di aver pagato una tangente per avere uno sconto sul pagamento della tassa rifiuti dell’istituto Villa Nave. Per gli inquirenti avrebbe avuto un complice nell’ente.

Il Gip del Tribunale di Palermo Angela Gerardi ha emesso 16 ordinanze di custodia cautelare (4 in carcere, 12 ai domiciliari): le indagini, durate oltre un anno, per gli investigatori hanno fotografato “uno spaccato avvilente di corruzione, sviluppatosi all’interno dell’ufficio, dove un manipolo di impiegati comunali, tra cui un funzionario, si era stabilmente associato allo scopo di commettere una pluralità indeterminata di reati di corruzione”.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dopo aver confermato la collaborazione dell’ente nelle indagini, ha così commentato: “Sono dipendenti da oltre un anno allontanati dall’ufficio tributi a seguito di segnalazioni che la stessa amministrazione comunale ha inoltrato agli inquirenti. La stessa amministrazione si costituirà parte civile nel processo”.

dove sciare

Dove sciare? Ecco 5 piste da sci imperdibili sulle Alpi

davide stival parte civile

Davide Stival, il padre del piccolo Loris, si costituirà parte civile nel processo