in ,

Palmiro Togliatti: 52° anniversario dalla sua morte, attualità delle sue intuizioni

Palmiro Togliatti è morto il 21 agosto 1964 a Yalta, sul Mar Nero, località dove molti dirigenti dell’Internazionale comunista passavano le loro vacanze. Oggi quindi ricorre il 52° anniversario dalla sua morte e in un contesto di crisi economica e di delegittimazione della rappresentanza politica, può avere una sua attualità ripercorrere l’intensa vicenda umana e politica del “leader Maximo”. Palmiro Togliatti visse in un’Italia liberale prima, poi fascista e infine repubblicana caratterizzata da una realtà europea in fase di costituzione e una situazione mondiale divisa in grandi blocchi.

Togliatti fu tra i fondatori del Partito Comunista Italiano, principale partito di opposizione e anche importante esponente del movimento comunista internazionale. Interessante rimane approfondire il contributo che il Partito Comunista Italiano seppe dare alla nascita e al consolidamento in Italia della democrazia, nel rispetto dell’evoluzione delle vicende storiche. Durante il dopoguerra Togliatti si adoperò alla ricerca di soluzioni politiche che permettessero al Paese di uscire da una crisi economica profonda che ne minava persino la tenuta sociale.

Togliatti propose come sfida metodologica l’analisi della stretta connessione degli avvenimenti del Novecento in ragione di una interdipendenza tra il livello nazionale e internazionale. Questa considerazione permetterebbe il superamento della dicotomia tra una lettura dell’esperienza del comunismo italiano che trova le sue origini nel superamento del positivismo di fine ottocento e l’idealismo del principio del novecento e dall’altra parte coloro che lo riducono a una proiezione strumentale che segue il leninismo dominante dopo la Rivoluzione russa d’ottobre. La svolta di Salerno dell’aprile 1944 di cui Togliatti fu promotore assegnò al PCI una funzione nazionale calandola nella concreta esperienza storica dell’Italia post-fascista e dando vita alla costruzione del “partito nuovo”, l’opera più importante di Togliatti che in questo modo offrì alle masse popolari la via della “democrazia progressiva” e contribuì al passaggio istituzionale tra monarchia e repubblica e l’adozione dell’attuale Costituzione.

Milan News

Dove vedere Milan – Torino: ora diretta tv, streaming gratis Serie A

Bologna, Molinella: bambino di 7 anni perde la vita in un terribile incidente