in ,

Pamplona: per la festa di San Firmino incomincia la conta dei feriti

La festa di San Firmino a Pamplona, che ha esercitato da sempre un fascino particolare, consiste in una  corsa di oltre 800 metri, nel celeberrimo “encierro” di origine medievale, davanti a dei tori lasciati liberi lungo il tragitto e che ha come punto d’arrivo la Plaza de Toros della città.San Firmin

Per le impervie vie di pietra, dell’incantevole centro storico, migliaia di persone sfidano la sorte e mettono alla prova il loro “coraggio”, tentando di sfuggire i tori che li inseguono e che, il più delle volte, li raggiungono ferendoli tanto da mandarli all’ospedale: quest’anno i feriti attualmente sono 47. Tra questi ultimi, una ventina  sono rimasti solamente contusi a causa delle cadute per la grande calca.

La “Fiesta”, che si tiene dal 7 e il 14 luglio, inizia tutti i giorni alle otto del mattino, per una durata media di tre, quattro minuti e ha conquistato, molti anni fa, anche lo scrittore statunitense Ernst Hemingway che l’ha celebrata nel suo celebre e omonimo romanzo. Questa manifestazione è considerata, con il Carnevale di Rio de Janeiro e l’Oktoberfest di Monaco di Baviera, una delle migliori feste del mondo. Ogni anno la celebrazione raduna decine di migliaia di turisti, tanto che la popolazione di Pamplona che è di  200 mila abitanti, in quei giorni, si raddoppia.

 

 

 

 

Governo: sconto sulle multe per chi paga subito

Makeup 2013: di gran moda le “creme alfabeto”