in ,

Pane, amore e… Il Festival della Filosofia 2013

Uno scatto di “Amore e Psiche” del Canova è stato scelto come immagine ufficiale dell’edizione 2013 del Festival della Filosofia che, come da tradizione, si dislocherà tra le città di Modena, Sassuolo e Carpi. Tre giornate di incontri gratuiti, dal 13 al 15 settembre, in cui filosofi, scrittori, sociologi e critici si confronteranno sul tema dell’amore.

Vinicio Capossela

È niente di meno che Emily Dickinson a ricordarci “Che l’amore è tutto, è tutto quel che sappiamo dell’amore”. Nonostante siano già stati versati litri di inchiostro, l’amore rimane ancora un territorio da esplorare, un sentimento “dimenticato e critico dell’esperienza contemporanea”, così come viene definito dalla direttrice scientifica della kermesse Michelina Borsari. Ecco allora che l’amore, nelle sue molteplici sfaccettature – ora come fenomeno sociale, ora come motore di passioni – torna ad essere protagonista del dibattito filosofico.

Venerdì 13 il pubblico di Modena sarà guidato alla riscoperta dei classici, da Platone a Schopenhauer, e potrà scegliere se assistere alla lezione magistrale di Massimo Gramellini sulla “Biblioteca di Eros”, o spostarsi a Sassuolo per parlare di amor sacro e amor profano con Philippe Daverio. Nelle giornate successive si discuterà sul diritto d’amore in compagnia di Stefano Rodotà (Modena, sabato 14), sul tema della possessione con Umberto Galimberti e ancora sul posto che l’amore può avere nell’economia con Stefano Zamagni (entrambi a Modena, domenica 15). I legami fragili sono il tema della lectio magistralis di Zygmunt Bauman e Aleksandra Kania (sabato 14, a Carpi), mentre lo stesso giorno a Sassuolo ospite atteso della rassegna è il filosofo Massimo Cacciari.

Oltre agli incontri, è previsto un ricco cartellone di eventi dedicati ai bambini: da spettacoli di burattini sul tema dell’elisir d’amore, ai percorsi sensoriali per scoprire trucchi e stratagemmi sulla vita amorosa delle piante, dal laboratorio dell’ “Aggiustacuori” a un percorso di narrazioni che prende avvio dai celebri versi dell’Ariosto (“le donne, i cavalier, l’arme, gli amori”). E poi, visto che in amore non si impara mai dai propri errori, ecco anche alcune occasioni rivolte anche un pubblico adulto, per imparare a scrivere una lettera d’amore di successo, o semplicemente per cominciare ad amarsi di più (laboratorio di self-love). Il tutto accompagnato da un sottofondo musicale d’eccezione con Vecchioni, Capossela, riletture di brani del periodo berlinese di David Bowie, reading su Mogol e su cinquant’anni di canzoni d’amore.

Per informazioni e per consultare il programma completo, visita il sito www.festivalfilosofia.it

Seguici sul nostro canale Telegram

Kimi Raikkonen sorridente

Formula 1: Massa lascia la Ferrari e ritorna Raikkonen

Anticipazioni Beautiful giovedì 12 settembre: Hope e Steffy litigano per amore di Liam