in ,

Paola Perego a Le Iene Show: “Sono disorientata, spaventata, non riesco a rendermene conto”

Paola Perego a Le Iene Show, nell’intervista esclusiva in onda durante la puntata del noto programma di Italia 1 di mercoledì 22 marzo 2017, dopo la bufera piovuta sull’ammiraglia Rai 1 sul suo programma, Parliamone sabato, per via della lista sulle donne dell’est, trasmissione poi chiusa definitivamente, ha rivelato di sentirsi: “disorientata, spaventata, non riesco a rendermene conto“, aggiungendo: “mi hanno messa in mezzo in una cosa che è molto più grande di me“.

La nota conduttrice, proseguendo, ha anche fatto sapere: ” gli argomenti in Rai vengono approvati prima di esser emessi in onda dal capostruttura, dal direttore di Rete” aggiungendo, su questo aspetto, che: “Mi hanno cassato il femminicidio. Non volevano che ne parlassimo perché non era con la linea editoriale“. Certa di aver difeso le donne, come sempre fatto, Paola Perego a Le Iene ha poi aggiunto: “Ho rivisto tre volte quel pezzo” e specificato: “Mi vorrei scusare per la dichiarazione di Fabio Testi. Ho chiesto di non invitarlo più“.  Nel frattempo però Fabio Testi ha oltretutto rilanciato e, nel suo intervento a La Zanzara, ha rilasciato dichiarazioni ancora più forti attaccando perfino il ministro Boldrini.

Parlando per la prima volta dopo la chiusura del programma da lei condotto ed in onda ogni sabato pomeriggio su Rai 1, lo stesso programma di cui andava fiera anche per via dell’ottimo riscontro del pubblico, Paola Perego ha esordito dicendo di sentirsi molto male e di non riuscire a smettere di pensare nemmeno a tutte quelle persone che si fidavano di lei e collaboravano per la buona riuscita della trasmissione: “Sto male per tutte quelle persone che, fidandosi di me, mi hanno seguita in questo programma. Ora resteranno senza lavoro“.

Attaccata dai telespettatori sui social Paola Perego ha sottolineato di vivere tutto ciò come una violenza dicendo: “Non ho ancora metabolizzato, non riesco a capire bene che cos’è questa violenza contro di me” ed aggiungendo: “Una violenza terribile, brutta“.  Ribadendo di essere una brava persona la nota conduttrice ha poi acceso i riflettori, ancora una volta, su chi lavorava insieme a lei: “La mia preoccupazione, credetemi, non è per me, è veramente per tutte quelle persone che lavorano con me. Pensa che guadagnano due lire ed ora veramente avranno problemi a pagare l’affitto, perché non è che gli stipendi Rai proprio ti permettono di navigare nell’oro“.

Cosa può essere successo? Paola Perego pensa di essere finita in un tritacarne e di essere stata usata come capro espiatorio perché: “C’è gente che ha bestemmiato, hanno intervistato il figlio di Totò Riina facendogli l’altarino, abbiamo visto in televisione qualunque cosa. (Questo, ndr) era un gioco. È scoppiata la bomba, ma la bomba non c’è” ed aggiungendo: “Hanno usato me come potevano usare forse qualcun altro. Forse è scomodo mio marito“. Cosa succederà ora? Dopo la chiusura del programma secondo la Perego: ” rescinderanno anche il mio contratto, ma questo non è un problema, cioè io non sono quella persona che stanno descrivendo e chi mi conosce lo sa”. 

La nota conduttrice ha lanciato anche una accusa ai vertici Rai dicendo: “Loro si sono dissociati da una cosa che avevano approvato e adesso fanno la figura di quelli che stanno salvando l’Italia da questo “mostro” che è sessista, che porta in televisione queste cose

 

facebook

Attacco Londra Parlamento: Facebook attiva la funzione “Stai bene?”

Londra attacco Parlamento

Londra attacco al Parlamento: giovane bolognese fra i feriti