in

Papa aborto, durissime parole: “E’ come affittare un sicario”

Papa Francesco contro l’aborto, le parole del Pontefice sono state durissime: “Un approccio contraddittorio consente anche la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome della salvaguardia di altri diritti. Ma come può essere terapeutico, civile, o semplicemente umano un atto che sopprime la vita innocente e inerme nel suo sbocciare?”. Bergoglio nelle udienza generale di oggi, mercoledì 10 ottobre, è stato categorico: “Io vi domando: è giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema? E’ come affittare un sicario”, ha sottolineato. L’aborto è disprezzo per la vita. E’ “tutto il male del mondo”, la vita “è aggredita dalle guerre, dalle organizzazioni che sfruttano l’uomo, leggiamo sui giornali o vediamo sui telegiornali tante cose, dalle speculazioni sul creato e dalla cultura dello scarto, e da tutti i sistemi che sottomettono l’esistenza umana a calcoli di opportunità, mentre un numero scandaloso di persone vive in uno stato indegno dell’uomo. Questo è disprezzare la vita, è uccidere”.

papa francesco intercettato

 

Un tema etico molto delicato e tornato attuale in Italia, dopo la mozione anti-aborto, approvata il 5 ottobre dal consiglio comunale di Verona che si è autoproclamata “città in favore della vita”, scatenando le proteste di tanti sindaci d’Italia tra cui Federico Pizzarotti, primo cittadino di Parma. “La mozione approvata dal consiglio comunale di Verona è uno schiaffo in faccia alle migliaia di donne e uomini che sul tema dell’aborto hanno affrontato battaglie di civiltà per tanti anni, oscurate dal finto perbenismo nel nostro Paese”. Così in una nota congiunta Federico Pizzarotti, sindaco di Parma e presidente di Italia in Comune, Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e coordinatore nazionale di Itc, e Damiano Coletta, sindaco di Latina e vice presidente del partito. E sulla posizione in merito alla questione da parte del Vaticano ci ha pensato Papa Francesco a ribadire il concetto.

interruzione di gravidanza

Il Pontefice ha parlato in particolare dell’aborto terapeutico, e ha affermato: “Ogni bambino malato è un dono. La violenza e il rifiuto della vita nascono in fondo dalla paura. L’accoglienza dell’altro, infatti, è una sfida all’individualismo. Pensiamo a quando si scopre che una vita nascente è portatrice di disabilità, anche grave. I genitori, in questi casi drammatici, hanno bisogno di vera vicinanza, di vera solidarietà, per affrontare la realtà superando le comprensibili paure. Invece spesso ricevono frettolosi consigli di interrompere la gravidanza…”. I toni e i contenuti sono gli stessi usati dal Papa nel giugno scorso incontrando il Forum delle Famiglie: “Il secolo scorso tutto il mondo era scandalizzato per quello che facevano i nazisti per curare la purezza della razza. Oggi facciamo lo stesso ma con i guanti bianchi: è di moda, abituale, quando in gravidanza si vede che forse il bambino non sta bene o viene con qualche cosa: la prima offerta è `lo mandiamo via?´ L’omicidio dei bambini. Per risolvere una vita tranquilla si fa fuori un innocente”.

Come diventare Portalettere: lo stipendio di un postino per Poste Italiane

Francesco Monte rivelazioni hot al “Grande Fratello Vip”: «Quando mi ha lasciato non avevo più voglia!»