in ,

Papa Francesco detta le 10 regole per la felicità: il decalogo per una vita migliore

Papa Francesco e la ricetta per la felicità: dieci sono gli “ingredienti” che, a parere del Pontefice, rappresentano il mix perfetto per una vita serena. Intervistato dal giornale argentino El Clarin, Papa Francesco ha stilato una sorta di decalogo, dieci regole che, se osservate ogni giorno, aiutano a vivere meglio. Per prima cosa il motto “vivi e lascia vivere“, un principio che ognuno dovrebbe avere come guida per una vita nel rispetto di sé e degli altri. Seconda regola: “donati agli altri“, evitando l’egoismo e l’egocentrismo.

papa francesco regole per essere felici

Terza regola: “procedi con calma“, come una pozza d’acqua calma che rappresenta “la capacità di muoversi con gentilezza e umiltà, una calma nella vita”. Quarto consiglio di Papa Francesco è “preserva il tempo libero”, nel quale rientra il suggerimento di dedicarsi alla letteratura e all’arte, giocare con i propri figli, spegnere la tv a tavola e godersi il piacere di comunicare con gli altri. Quarta regola è “trascorri la domenica in famiglia“.

Sesto punto del decalogo di Papa Francesco è “trovare modi creativi per dare lavoro ai giovani“, perché la dignità di un uomo è data dal fatto di portare il pane a casa. Attenzione anche alla natura, perché “il degrado ambientale è una delle più grandi sfide a cui siamo chiamati”. Ottavo consiglio: “dimentica in fretta le cose negative”. Vi è poi il “rispetta il pensiero degli altri senza proselitismo“, dunque il dialogo a partire dalla propria identità, senza la presunzione del convincere gli altri. Infine, chiude il decalogo il monito, più che mai attuale, del “lavora per la pace”, perchè “la pace a volte dà l’impressione di essere qualche cosa di tranquillo, ma non è mai quiete: è sempre una pace attiva”.

Emergenza Rifiuti Roma

Discariche di rifiuti: a Salerno arrivano i volontari ambientali

Renzi incontro con Berlsuconi

Matteo Renzi, Italicum: “Importante che Berlusconi stia al tavolo della riforma elettorale”