in ,

Papa Francesco e l’udienza ai reali di Giordania

Con un amichevole saluto in inglese “Welcome” papa Francesco ha dato inizio ad un’udienza particolare con il re di Giordania Abdullah II e la regina  Rania. Un colloquio privato della durata di venti minuti: i reali giordani sono stati accolti dal Santo Padre nella Sala del Tronetto e poi si sono spostati nella Sala della Biblioteca, per il colloquioReali di Giordania

Il Papa si è rivolto all’augusta coppia in inglese: re Abdullah vestiva in abito scuro mentre la regina Rania indossava un abito nero con un velo bianco sulla testa, come da protocollo, e scarpe nere col tacco alto. Papa Bergoglio si è rivolto a Sua Maestà Abdullah dandogli il “Benvenuto” mentre la moglie è rimasta ad un passo dietro a lui e l’ha affiancato. Quindi il Re si è rivolto verso Papa Francesco salutandolo a sua volta, in inglese, dicendogli che era un piacere e un onore incontrarlo e gli portava i saluti della sua famiglia e di tutto il popolo giordano. Poco dopo anche Rania ha affermato che era un enorme onore incontrarlo.

Dopo i saluti di rito il Papa e i reali si sono accomodati nello studio dov’era presente anche un interprete inglese della Segreteria di Stato. Il Re ha iniziato la conversazione affermando di avere un grande rispetto per quello che il Santo Padre e la Chiesa cattolica stanno facendo per il mondo. Sia Papa Francesco che i reali sorridevano e dopo l’incontro con Papa Bergoglio, il re ha avuto un colloquio con il Segretario di Stato Vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, accompagnato dal Segretario per i rapporti con gli Stati, monsignor Dominique Mamberti.

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

news politica italiana

Arrestato l’ex deputato Amedeo Matacena, latitante a Dubai

Anticipazioni Beautiful venerdì 30 agosto: Taylor rivela la verità a Katie sul bacio tra Brooke e Bill