in ,

Papa Francesco replica all’accusa di essere “comunista”: “Occuparsi dei poveri é Vangelo”

Andrea Tornielli di “Vatican Insider”, e Giacomo Galeazzi, vaticanista della Stampa a quattro mani hanno scritto di recente il libro “Papa Francesco. Questa economia uccide” sulla dottrina sociale del Papa venuto dall’Argentina al confine del mondo. Il volume tratta dei discorsi, documenti ed interventi di Papa Francesco sui temi della giustizia sociale, della povertà, dell’immigrazione e dell’ambiente. In chiusura viene riportata un’intervista rilasciata dallo stesso Papa nell’ottobre del 2014.

I continui riferimenti del Papa ai poveri e ai bisognosi oltre che il suo appello ad attenzionare gli ultimi hanno fatto scattare le critiche di tanti che lo considerano “Marxista” “Comunista” “Pauperista”, mentre Papa Bergoglio ha replicato che il tema della povertà è sempre presente nel suo magistero perché: “Quando al centro del sistema non c’è più l’uomo ma il denaro, quando il denaro diventa un idolo, gli uomini e le donne sono ridotti a semplici strumenti di un sistema sociale ed economico caratterizzato, anzi dominato da profondi squilibri. Non possiamo più aspettare a risolvere le cause strutturali della povertà, per guarire le nostre società da una malattia che può solo portare verso nuove crisi. I mercati e la speculazione finanziaria non possono godere di un’autonomia assoluta. Senza una soluzione ai problemi dei poveri non risolveremo i problemi del mondo. Servono programmi, meccanismi e processi orientati a una migliore distribuzione delle risorse, alla creazione di lavoro, alla promozione integrale di chi è escluso”.

Il Papa, che segue anche i media italiani, conosce l’accusa che gli viene talora rivolta, di essere troppo comunista, ma egli spiega che: “Avere cura dei poveri non è comunismo, è Vangelo”.Lo stesso Pontefice ha fatto risaltare che “Oggi i mercati contano più delle persone, è un’economia malata. Dire questo non vuol dire essere comunisti”, ed ha concluso “Il Nuovo Testamento non condanna i ricchi ma l’idolatria della ricchezza”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Roberta Ragusa ultimi aggiornamenti 11 gennaio

Roberta Ragusa: anche gli zii e i cugini contro Antonio Logli durante il processo

Anticipazioni Beautiful settimanali dal 12 al 17 Gennaio: il ritorno di Deacon Sharpe