in ,

Parabiago: massacrata a coltellate in casa davanti ai figli, arrestato il convivente reo confesso

Omicidio nel Milanese: donna di 33 anni massacrata a coltellate in casa. A trovarla agonizzante in casa, sua madre. E’ spirata poco dopo e a niente sono valsi i tentativi dei sanitari del 118 di salvarle la vita. Il barbaro assassinio si è consumato all’interno di un’abitazione a Parabiago, comune di oltre 27mila abitanti del Milanese, nel pomeriggio di ieri 17 dicembre. La vittima ha 23 anni ed è madre di due bambini, di cui uno nato in estate, presenti in casa al momento del delitto. Ad accoltellarla a morte, molto probabilmente al culmine di una lite, il compagno.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, Simona Fiorelli, questo il nome della donna uccisa, è stata colpita da 3 fendenti al torace, ed è stata trovata accasciata in bagno ancora agonizzante. Il compagno si è costituito poche ore dopo ed è stato arrestato. Si tratta di un uomo di origine pachistana con il quale la donna viveva in Inghilterra.

Potrebbe interessarti anche: Trovato cadavere nel Lago Maggiore, indagini in corso

La coppia si trovava in vacanza a Parabiago (città di origine della vittima), e ieri pomeriggio avrebbe litigato in maniera molto accesa e violenta. A quel punto l’uomo in preda a raptus avrebbe impugnato il coltello colpendola più volte al torace con estrema ferocia. Il presunto responsabile del delitto in un primo momento si era reso irreperibile, avrebbe vagato per un po’ per la città e poi avrebbe fatto ritorno nell’abitazione, dove ad attenderlo c’erano i Carabinieri di Legnano che lo hanno tratto in arresto. Tradotto immediatamente in caserma, seppure in modo confuso, l’uomo ha ammesso le sue responsabilità e confessato il delitto in presenza del pm della Procura di Busto Arsizio, Maria Cristina Ria.

Sconvolti amici e conoscenti della vittima, intercettati dai giornalisti de Il Giorno“Siamo sconvolti e non abbiamo voglia di parlare. Non abbiamo parole per quello che è successo”. La comunità di Parabiago è sotto shock per ciò che accaduto. La 33enne lascia due figli piccoli. La casa che doveva ospitarla per le vacanze natalizie insieme alla famiglia, sita in via Santini 25, è diventata teatro del suo massacro. L’uomo di cui era innamorata, Sadigue Zahir, 35 anni, l’ha assassinata, senza un perché. E forse – stando a quanto riferito da una vicina di casa – già da tempo subiva violenze da parte sua. Alcuni segni sul viso di Simona scorti nei giorni scorsi dalla donna, infatti, lo farebbero ipotizzare.

Assunzioni poste Italiane 2017

Assunzioni Poste italiane dicembre 2017: si cercano postini, ecco requisiti, sedi e scadenze (GUIDA)

Concerti Capodanno 2018: musica gratuita in piazza per salutare il 2017, il programma da Milano a Napoli (FOTO)