in ,

Parto naturale con epidurale: un dilemma per le future mamme

Quando si avvicina il giorno previsto per la nascita del proprio figlio, spesso le donne che vanno incontro a un parto naturale, specialmente alla prima gravidanza, si ritrovano ad affrontare un importante dilemma, se scegliere o meno l’anestesia epidurale, durante le ore che precedono il travaglio. Una scelta semplice nei casi in cui la paura di provare dolore supera tutte le altre preoccupazioni, non altrettanto scontata quando questo timore non si manifesta così palesemente. Proprio in questi casi è necessario che le future mamme decidano consapevolmente avendo tutte le informazioni su che cos’è e su quali sono i vantaggi e gli svantaggi del suo utilizzo.

L’epidurale è un’anestesia regionale o locale che viene somministrata nelle ore che precedono il travaglio, attraverso un piccolo catetere posizionato nello spazio epidurale che andrà rimosso solamente una volta concluso il parto. E’ una pratica indolore che non crea nessun fastidio e non limita i movimenti. I vantaggi del suo utilizzo sono numerosi come l’assenza di dolore durante il parto, stando vigili senza soffrire, o ancora la riduzione dello stress regalando alle madri un ricordo positivo dell’evento. L’anestesia ha un’azione rapida dai quindici ai venti minuti e può essere prolungata a seconda delle esigenze. Tra i benefici troviamo il poter compiere adeguatamente i movimenti nella fase espulsiva, infatti la sensibilità non viene persa durante le contrazioni. E’ perfettamente compatibile con l’allattamento e i farmaci non arrivano al nascituro.

Tra gli aspetti negativi in alcuni casi si può presentare un calo della pressione che porta le future madri a dover stare sdraiate, non potendo assumere quelle posizioni che stimolano la discesa del bambino nel canale del parto, come lo stare in piedi.  Altri svantaggi possono essere: una maggiore durata della fase espulsiva data dalla mancanza di dolore, o ancora forti cefalee, nel caso in cui l’ago al momento dell’inserimento del catetere punga in modo accidentale la dura madre. L’utilizzo dell’epidurale nel parto naturale è una decisione da prendere con serenità, per questo un valido aiuto è discutere la propria scelta con gli specialisti che hanno seguito la gravidanza nelle sue diverse fasi.

la maternità surrogata ecco di cosa si grata

Maternità surrogata: un fenomeno in crescita anche in Italia

Cecilia Rodriguez gossip

Cecilia Rodriguez gossip: il suo giudizio sugli uomini dell’Isola dei Famosi