in

Pasqua 2014: su Facebook arrivano i consigli di stile di Enzo Miccio

Il pranzo di Pasqua si avvicina e per i più attenti alla moda non potevano mancare i consigli di Enzo Miccio, ovvero suggerimenti indispensabili per non commettere alcun errore e far bella figura con gli ospiti senza però diventare troppo maniaci, ovvero volendo abbinare anche il colore degli incarti delle uova di Pasqua ai piatti, ai bicchieri e alla tovaglia. Su Facebook, infatti, uno dei protagonisti di Real Time, ha dispensato utili consigli di stile per la Pasqua 2014.

enzo miccio realtime

Quali sono i colori da usare? Enzo Miccio parte proprio da questa indicazione scrivendo: “Se i colori del Natale sono il Rosso e l’Oro, per Pasqua? Io punterei su un bel giallo paglierino, un lime o anche un bel verde chiaro. Per dare personalità alla tavola si può ravvivare una semplice tovaglia bianca con l’uso di runner a contrasto”. I consigli del re dei matrimoni, nonché di uno dei massimi esperti di stile, non escludono nessuno perché secondo Miccio “il buongusto non è una questione economica”. Proseguendo con i consigli il conduttore di Ma come ti vesti? suggerisce: “ che siano in materiali preziosi o anche in vetro, il sottopiatto è un elemento che ne arricchisce molto la scenografia, e può anche considerarsi come segnaposto. La chicca che sempre consiglio è la disposizione del tovagliolo …” aggiungendo: “basta arrotolarlo con un semplice nastro che sia di raso, di organza o, perché no? Anche di filo, di rafia a secondo dello stile che volete usare”.

Si può abbinare il colore del cibo al colore della tavola? A quanto pare sì. Poeticamente ispirato Miccio scrive: “considerate la tavola come una tela da dipingere. Se scegliete il verde, pensate a dei cibi che possano avere dei colori in linea con il resto o in netto contrasto”. Sarà impossibile, ora, sbagliare ad apparecchiare, ma la cosa importante, anche per Miccio, rimane sempre e solo una: divertirsi!

Mercato, Torino: c’è anche il Borussia Dortmund su Immobile

alma-shalabayeva rifugiata

Alma Shalabayeva ottiene dall’Italia il riconoscimento dell’asilo politico