in

Pasqua 2016 viaggi low cost: le migliori offerte, da Flixbus a Megabus

Pasqua 2016 è alle porte ma non avete ancora deciso dove andare? Cercate un itinerario divertente, all’insegna del relax ma anche della cultura, ma non sapete come trovarlo? Ecco alcune offerte low cost da Flixbus a Megabus, per un viaggio economico.

Pasqua 2016 a Parigi: se avete scelto una meta romantica come la capitale francese, allora sono molte le cose da vedere. Dalla famosissima Tour Eiffel, al museo del Louvre, dove potrete ammirare La Gioconda o Monnalisa di Leonardo Da Vinci. Con Flixbus è possibile raggiungere la città al prezzo di 49,50 euro a persona, mentre con Megabus, i prezzi partono da 64 euro per due persone.

Pasqua 2016 a Monaco di Baviera: per gli amanti della cultura è senz’altro la meta più adatta, con i suoi musei come quello Egizio o il più famoso Deutsches. In questa città è possibile trovare arte romana e greca, collezioni di paleontologia, zoologia o botanica. Sono molte le cose da fare. Con Flixbus è possibile raggiungere la città in autobus da Milano a un prezzo base di 25 euro a persona.

Pasqua 2016 a Milano: la città della moda è sempre pronta per festeggiare le feste, soprattutto quelle pasquali. Il Museo della Scienza e della Tecnica apre i suoi laboratori interattivi, e poi dal Museo del Risorgimento al Castello Sforzesco per non dimenticare il Duomo, sono molti i luoghi di interesse culturale da visitare. Per chi è di Roma, attraverso Flixbus è possibile acquistare i biglietti a 19 euro a persona, mentre con Megabus i biglietti per due persone partono da 34 euro.

Photo Credit: Ernst Christen/Shutterstock.com

pasqua 2016, pranzo di pasqua 2016, pasqua 2016 come apparecchiare la tavola, pasqua 2016 come apparecchiare la tavola per il pranzo, pasqua 2016 idee originali, pasqua 2016 idee originali per apparecchiare la tavola,

Pasqua 2016: idee originali per apparecchiare la tavola del pranzo

milan 2 arresti violenza all'asilo

Vicenza maltrattamenti all’asilo, maestra sotto accusa si difende in tv: “Ho solo simulato lo sputo”