in

Pasqua 2017, dove andare in Italia: città a prova di buongustai per un viaggio dal sapore deciso

Si viaggia per liberare la mente, per ampliare i propri orizzonti, per raggiungere posti inesplorati, per vivere un’avventura o, ancora, per vedere da vicino antichi pezzi d’arte. Oggi, però, vi proponiamo un viaggio diverso, alla volta dei sapori italiani. La redazione di UrbanPost Viaggi ha selezionato 5 città da raggiungere a Pasqua 2017, in cui è possibile mangiare bene e, allo stesso tempo, rilassarsi oppure apprezzare un patrimonio artistico, storico e culturale degno di nota.

Bologna: nel 2016, Telegraph ha stilato la classifica delle migliori città in cui mangiare a livello mondiale. Bologna ha conquistato il settimo posto e, in effetti, sono davvero molti i piatti della tradizione che si possono assaporare in città. A partire dal ragù alla bolognese, famoso in tutto il mondo, passando per i classici tortellini, arrivando alla piadina. Allo stesso tempo, Bologna è una città perfetta in cui trascorrere il weekend di Pasqua 2017, poiché offre scorci suggestivi e attrazioni da non perdere. Cosa fare gratis a Bologna.

Firenze: si raggiungono invece i colli toscani, si attraversano i vigneti e si ammira il patrimonio artistico di Firenze, per poi concedersi una cena a base di fiorentina con un buon vino ad accompagnare il tutto. Un weekend è sufficiente per visitare le principali attrazioni di Firenze, quindi i pochi giorni a disposizione durante le vacanze di Pasqua 2017 sono perfetti per godere del meglio della città, gastronomia compresa.

Roma: quando si parla di Carbonara si apre il dibattito. Si fa con il guanciale o con la pancetta? Scoprirlo a Roma è la soluzione. Dopo aver gustato un piatto di pasta, Cacio e Pepe o Carbonara che sia, prosegue la giornata alla volta del centro storico, per lanciare una monetina nella bellissima Fontana di Trevi o per scattare una foto seduti sulle scalinate di Piazza di Spagna. Cosa fare a Roma gratis.

Napoli: “vedi Napoli e poi muori”, ma sicuramente non di fame. Mangiare la classica pizza napoletana nel luogo in cui nasce non potrebbe che essere soddisfacente, magari in un ristorante con vista Vesuvio. Trattandosi del periodo di Pasqua, non può che essere nominato il Casatiello napoletano per un pranzo da concludere con un dolce tipico come la Pastiera, un Babà o la Sfogliatella.

Palermo: pane e panelle per uno spuntino veloce ma davvero gustoso mentre si passeggia tra le vie di Palermo non potrebbe che essere il modo migliore per vivere davvero la città. Da assaggiare anche gli arancini (o arancine), la brioche farcita con la granita, gli anelletti al forno e così via.

Image credit: sebagee/Pixabay – Palermo

Renato Zero concerti 2017, Zerovskij per festeggiare 50 anni di carriera: tutto quello che devi sapere

Uomini e Donne trono classico

Replica Uomini e Donne Witty 21 marzo 2017: ecco dove vedere la puntata