in

Pasqua 2019 quando cade: data ricorrenza, festività vicine

Pasqua 2019, quando è la data da cerchiare in rosso secondo il calendario gregoriano? La Santa Pasqua quest’anno cadrà domenica 21 aprile. Il lunedì dell’Angelo, la classica ‘Pasquetta’, sarà quindi il 22 aprile. E sempre nello stesso mese si potrà approfittare del 25 aprile (festa della Liberazione) che ricorrerà di giovedì. Molte scuole, approfittando della vicinanza della Pasqua al 25 aprile, faranno un ponte lungo rientrando il 26, anche se i giorni ufficiali di chiusura delle scuole italiane vanno dal 18 al 23 aprile. Anche se è ancora presto per parlare di che tempo farà a Pasqua con precisione, le previsioni non prevedono nulla di buono. A Pasqua 2019 il cielo potrebbe essere instabile e con temperature sotto la norma. Non ci resta che augurarci che le cose cambino altrimenti niente picnic tipici del giorno di Pasquetta.

Leggi anche –> Carnevale 2019: quando inizia, quando finisce, tutte le date da sapere

Perché si festeggia la Pasqua?

Per prima cosa bisogna rispondere a una delle domandi più frequenti sulla Pasqua. Perché la data della Pasqua cambia ogni anno? La regola per calcolarla proviene dalle decisioni prese durante il Concilio di Nicea del 325. La Pasqua viene fatta coincidere sempre con la domenica successiva alla prima luna piena post equinozio di primavera. Quindi la  Pasqua cadrà sempre in un arco temporale compreso tra il 22 marzo e il 25 aprile. Nel 2019 cadrà appunto il 21 aprile. La Pasqua è una festività cristiana con la quale si ricorda e si celebra la Resurrezione di Cristo avvenuta tre giorni dopo la sua crocifissione. Per tale motivo, la Pasqua cristiana è anche detta Pasqua di Resurrezione differenziandosi così dalla Pasqua ebraica chiamata Pasqua di Liberazione. Per gli ebrei, infatti, la Pasqua simboleggia la liberazione dall’Egitto. Come simbolo di questa rinascita vengono utilizzate le uova di Pasqua. Le famosissime uova di Pasqua sono una tradizione antica, che era già presente nella Pasqua ebraica. L’uovo è il simbolo della nascita di una nuova vita. Prima di diventare di cioccolato le uova pasquali erano d’oro, come quello commissionato nel 1885 all’orafo francese Fabergé dallo zar Alessandro III di Russia per sua moglie. Le prime uova di cioccolato risalgono a Luigi XIV. L’avvio della produzione in serie di uova di cioccolato si ha dal 1875 ad opera di John Cadbury. Oggi le uova di cioccolato, tradizionalmente regalate ai bambini, sono di diverso tipo con all’interno le più svariate e fantasiose sorprese. Un altro simbolo della Pasqua è il coniglietto pasquale, che rimanda anche lui all’idea della rinascita legata all’alta fertilità dell’animaletto che corre nei prati. Simboli invece tipicamente cristiani sono il ramo d’ulivo o di palma e la colomba, che indicano rinascita e purezza.

Calendario 2019: Tutte le festività da maggio a dicembre

Dopo la Pasqua e il 25 Aprile sono tante le feste del 2019 che ci aspettano. Il primo maggio, la festa dei lavoratori, quest’anno cadrà di mercoledì. A Roma nel giorno della Festa dei Lavoratori si svolge il  classico “concertone” di Piazza San Giovanni. Domenica 12 maggio, invece, si festeggerà la festa della mamma. Il 2 Giugno, festa della Repubblica, cadrà di domenica e sarà festeggiato con la storica parata delle forze armate a Roma e con il volo delle frecce tricolore. Giovedì 15 agosto si festeggerà con i falò sulle spiagge la festa dell’Assunzione, meglio conosciuta come ferragosto. Tutti i Santi e i morti, 1° e 2 Novembre, verranno di venerdì e sabato. Sicuramente nelle scuole si farà il ponte lungo. L’Immacolata Concezione, 8 dicembre, che dà l’avvio agli addobbi natalizi, nel 2019 cadrà di domenica. Il Santo Natale, 25 dicembre, sarà di mercoledì. La notte di San Silvestro, 31 dicembre, sarà di martedì e daremo il benvenuto al nuovo anno di mercoledì. Un calendario ancora davvero ricco di festività quello che ci aspetta da maggio a dicembre 2019.

Leggi anche –> Ponti e vacanze 2019: 25 aprile e 1° maggio che giorno sono, il calendario delle festività

Smaltimento rifiuti speciali non pericolosi: quali sono le modalità?

“Che Dio ci aiuti 5”, Simonetta Columbo svela come è stato interpretare la novizia Ginevra