in ,

Pasta con i vermi in una scuola di Milano, è scandalo

E’ scoppiato uno scandalo nella scuola elementare Barozzi di via Bocconi, a Milano. Venerdì 13 dicembre, durante il pranzo servito in mensa ai bambini, alcuni genitori facenti parte della commissione incaricata di effettuare i periodici controlli hanno fatto una macabra scoperta: nei piatti di pasta al pomodoro pronti per essere serviti a tavola ai piccoli scolari sono state trovati dei vermi, vere e proprie larve di “plodia interpunctella”, che si nutre di farine e conservanti. A parlare è Cristina Masciardi, una delle mamme della commissione mensa: “Al termine del pasto di venerdì scorso un’insegnante si è accorta della presenza in almeno due piatti di queste larve. Non in quelli che avevamo assaggiato noi, che non ci erano parsi sgradevoli. I bambini, purtroppo, avevano già ingerito buona parte della pasta. Abbiamo bloccato tutto, segnalato la non conformità del piatto e mandato campioni delle larve a Milano Ristorazione e avvisato anche l’Asl”.pasta con i vermi in mensa

E oggi, a distanza di sette giorni dall’increscioso accaduto, la donna chiede che si vada a fondo sulla vicenda poiché, precisa, “Tra gli alunni si sono verificati casi di gastroenterite. Tra questi, mio figlio. Non voglio dire che ci sia stata correlazione. In questo periodo girano diversi virus. Ma è bene fare chiarezza”. La società che gestisce la ristorazione nelle mense scolastiche è la Milano Ristorazione e ha prontamente replicato alla denuncia, addirittura minimizzando l’accaduto: “Si è trattato di 2 larve rinvenute in 2 piatti sui 20mila serviti. Un evento accidentale su di un prodotto quale la pasta integrale biologica. L’evento, seppur sgradevole, non è stato rilevato al collaudo, all’ingresso in magazzino, dai controlli che vengono effettuati a campione su tutta la merce.

Inoltre, nel comunicato ribadisce la totale assenza di segnalazioni di problemi di salute nei bambini in seguito alla vicenda, prendendo quindi la distanza da qualunque responsabilità: “In caso fosse stato più diffuso, l’infestante sarebbe stato rilevato. L’evento, inoltre, non costituisce danno per la salute. E ci siamo sincerati di questo, chiamando la scuola, che ci ha assicurato che nessun bambino, posto che ne avesse ingerito, è stato male. Al fornitore verranno comunque richieste garanzie e spiegazioni”. Ma le famiglie, seriamente preoccupate, non si danno pace e non escludono che una “mancanza di pulizia sia alla fonte, sia dove vengono preparati i cibi consegnati alle scuole.

 

 

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Acciuffato in Francia il serial killer Gagliano

Rafael 'Rafa' Benitez

Calciomercato Napoli: i progetti di gennaio per Rafa Benitez (Video)