in

Patente di guida nuovo decreto: mai più concessa a chi soffre di apnee notturne e turbe psichiche

Il Ministero dei Trasporti ha stabilito, mediante decreto del ministero dell’infrastrutture e dei trasporti del 22 dicembre 2015, pubblicato in Gazzetta ufficiale, in recepimento di una direttiva comunitaria, che chiunque soffra di disturbi del sonno causati da apnee notturne ostruttive non potrà avere la patente di guida.

Le motivazioni risiedono nel fatto che: “la patente non deve essere nè rilasciata nè rinnovata a candidati o conducenti affetti da disturbo del sonno causati da apnee ostruttive notturne che determinano una grave ed incoercibile sonnolenza diurna, con accentuata riduzione delle capacità dell’attenzione“. Restrizioni anche per chi soffre di disturbi neurologici. In questo senso il provvedimento modifica il decreto legislativo 59 del 2011, aggiungendo un paragrafo – l’H, che segue quello G dedicato alle ‘Turbe psichiche’ – denominato Malattie neurologiche. “La patente di guida non deve essere né rilasciata né rinnovata a candidati o conducenti colpiti da gravi affezioni neurologiche di grado tale da risultare incompatibili con la sicurezza della guida“.

In caso di turbe psichiche saranno disposte delle specifiche visite in grado di monitorare l’evoluzione del disturbo, chi ne soffre dovrà dimostrare “di essere in grado di azionare, in condizioni di sicurezza, i comandi del veicolo della categoria per la quale si richiede il rilascio o il rinnovo di validità della patente. In questi casi la validità della patente di guida non può essere superiore a due anni“.

caso yara news massimo bossetti

Caso Yara processo: criminologo difesa solleva sospetti su custode palestra

alessia marcuzzi isola dei famosi

Anticipazioni Isola dei Famosi 2016: ultime indiscrezioni sui concorrenti