in

Patente e apnee notturne: intervista e spiegazione sulla nuova direttiva che ha generato il panico

Ha suscitato parecchio clamore la notizia inerente il Ministero dei Trasporti che il 22 dicembre 2015, pubblicando su Gazzetta ufficiale in recepimento di una direttiva comunitaria, stabiliva che chiunque soffrisse di disturbi del sonno causati da apnee notturne ostruttive non avrebbe potuto vedere accordata la patente di guida. Sono moltissime le persone che hanno temuto di incorrere in limitazioni della propria autonomia a seguito della notizia come ci ha confermato Enrico Brunello, presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno- ONLUS. Brunello ha preso parte come Membro Permanente al Tavolo Tecnico Intersocietario, composto dalle 15 Società Scientifiche Italiane che hanno messo a punto insieme ai tavoli ministeriali del Ministero della Salute e del Ministero dei Trasporti e delle Infrastutture, il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale per il recepimento della Normativa Europea del Luglio 2014.

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con lui per comprendere meglio la questione. Per prima cosa Brunello ha puntualizzato che non è presente nessuna voce all’interno della normativa europea stessa che parli di ritiro/blocco/sospensione, non rilascio del permesso di guida. In fase di rilascio della patente a chi si sospetta un’OSAS sarà consigliato di non guidare sino al completamento degli accertamenti dovuti. Quindi la questione verte intorno alla validità del permesso di guida a seconda della certificazione presentata, dello stato di salute del patentato e a seconda della categoria di appartenenza della patente.

Anche per le scuole guide verrà approntata una documentazione specifica dove verranno inserite delle domande inerenti le apnee notturne, in caso di affermazione positiva del richiedente patente seguiranno accertamenti clinici. Bisogna anche rendere noto che ci sono delle terapie che possono migliorare sensibilmente questa patologia portandola in remissione. Ci sono comunque casi in cui la patente potrebbe non essere rilasciata ovvero quando è manifesta una grave forma di sindrome di apnee ostruttive del sonno, situazione che – secondo quanto ci ha spiegato il Presidente Brunello – potrebbe comunque migliorare mediante terapia ventilatoria e permettere un recupero tale da riuscire a rientrare in parametri accettabili per una guida coscienziosa e responsabile.

malaysia airlines

Svezia: allarme bomba su volo Londra-Stoccolma, chiuso scalo

meredith news rudy guede

Omicidio Meredith news: Rudy Guede abbandonato dai suoi legali