in

Patty Pravo racconta tutti i suoi segreti: “Sono stata a Rebibbia, ho picchiato Grillo e fumato con Jimi Hendrix”

A cinquant’anni dal successo di “La Bambola”Patty Pravo racconta tutti i suoi segreti in un’intervista al settimanale Chi. La cantante confessa di odiare gli anniversari e la canzone che l’ha resa celebre tra l’altro non le piaceva nemmeno: “Ho venduto 110 milioni di dischi di cui 49 solo con “La Bambola”, che in fondo non mi è mai piaciuta! Quest’anno è il 50ennale di questa canzone… ma che palle gli anniversari, io li rifuggo e loro mi inseguono.”

Patty Pravo malore

Patty Pravo senza peli sulla lingua: “I due giorni a Rebibbia, in macchina con Jimi Hendrix e l’esperienza in America”

Di Patty Pravo si è detto veramente tutto durante la sua lunga e gloriosa carriera. La cantante è stata un’icona della musica italiana ed oggi ha deciso di raccontare tutti i suoi segreti in un’intervista al settimanale Chi: “Nella mia vita ho fatto di tutto e ne sono felice. Anche se quando scrivevano sui giornali che in America vivevo sotto i ponti mi sono fatta delle grosse risate, perché in realtà abitavo al 20esimo piano e i ponti li vedevo da lassù” I giornali, dunque, non sapevano tutto, come le sue esperienze folli: “sono stata tre giorni in galera a Rebibbia, dove in verità sono stata bene e ho conosciuto persone fantastiche, ho picchiato Beppe Grillo sul palco dei Telegatti, ho fumato canne chiusa nel mio Maggiolone con Jimi Hendrix e ho anche mangiato cetriolini in compagnia di Peggy Guggenheim”

patty pravo foto in topless

La cantante ha raccontato anche il motivo per il quale non ha mai avuto un figlio: “Sono stata sposata cinque volte delle quali tre in contemporanea, ma per un solo momento ho desiderato di avere un figlio per amore e per lo stesso motivo ho deciso di non farlo.” Sul futuro, invece, Patty Pravo dichiara: “Voglio pensare al futuro, ho molti progetti: un nuovo album, un grande show…”

SARONNO UCCISO AL PARCO LURA

Saronno uomo ucciso a coltellate nel Parco Lura: era un perseguitato, movente delitto insospettabile

omicidio lidia macchi news quarto grado

Omicidio Lidia Macchi sentenza: Stefano Binda condannato all’ergastolo