in ,

Pd, riforme, scissioni e minoranza interna, Civati a Renzi: “C’è un limite a tutto”

Per il Premier Matteo Renzi è tempo di fare i conti con Pippo Civati che di lui dice: “si presenta col Jobs act e con le cose che sta dicendo alle elezioni a marzo non saremo candidati con Renzi. Se il programma elettorale lo scriviamo e non sono considerate le nostre“. Pippo Civati è il dissidente interno al Pd maggiormente pericoloso per il leader fiorentino, ad appoggiare Civati ci sono infatti Sel, Tsipras e Verdi.

Una nuova sinistra si profila dunque all’orizzonte? Civati non esclude questa opzione ma vuole sottolineare il suo status di giocatore stoico che non ha mollato il banco finché non ha avuto alternativa: “Io non me ne vado con infamia da scissionista, ma c’è un limite però“.

Per Renzi potrebbe profilarsi una doppia minaccia, se fino a pochi giorni fa il suo principale nemico politico era rappresentato da Matteo Salvini, vero astro nascente della Lega e, probabilmente, della Destra in genere; a fargli da contraltare in rosso sarà forse Pippo Civati. Questa volta il Premier non potrà giocarsi la carta della giovinezza, anagraficamente lo scontro è ad armi pari, bisognerà pescare da nuovi arsenali.

padre violenta figlia ritrovata

Padre stupra figlia 13enne per mesi: “Era mio padre, l’avevo appena ritrovato, ho accettato”

Capodanno 2015 Bologna eventi

Capodanno 2015 a Bologna: feste, eventi, veglioni