in ,

Pechino Express 2015 cambia continente: l’avventura in anteprima, tutte le novità

“Pechino Express è il programma al quale sono più affezionato, perchè, è un’ovvietà, ma l’esperienza del viaggio ti cambia la vita. Sono convinto che se le persone viaggiassero di più, vivremmo in una società migliore”: in occasione della conferenza stampa di Pechino Express 2015, che si è tenuta oggi, 2 settembre, Costantino Della Gherardesca ha permesso ai presenti di entrare nel vivo dell’adventure game. Il conduttore ha annunciato le novità della quarta edizione, in collaborazione con Leopoldo Gasparotto di Magnolia e Angelo Teodoli.

La conferenza stampa si apre con la proiezione dei momenti di viaggio delle 8 coppie in gara: siamo a Quito, in Ecuador, il primo paese che i concorrenti di Pechino Express 2015 hanno attraversato. In un mercato locale, tutti si sono cimentati nella vendita di un cocco, per guadagnare qualcosa che potesse aggiungersi all’unico euro, in moneta locale, che le coppie hanno avuto a disposizione ogni giorno. Uno zaino in spalla, spirito d’avventura, la giusta competitività e 8000 chilometri percorsi, hanno portato i concorrenti a Rio De Janeiro, altra meta di Pechino Express 2015: Feriti, stanchi, distrutti, hanno sempre combattuto”, sottolinea Costantino Della Gherardesca. Il conduttore di Pechino Express 2015 sottolinea che Paola Barale e Luca Tommassini, coppia de Gli Artisti, si siano auto candidati ai casting. La loro tenacia li ha portati ad essere tra i primi concorrenti dell’adventure game firmato Rai.

La parola passa a Leopoldo Gasparotto: “I concorrenti hanno dovuto scalare montagne, camminare al freddo e al gelo, hanno affrontato caldo, umidità, grandine, pioggia e neve, in condizione dove l’ossigeno scarseggia”. L’ostacolo più duro da superare, spiega, è stato l’altitudine: “Oltre i 4000 metri d’altezza l’ossigeno scarseggia, il che ha reso tutto più difficile, ma non è mai successo nulla di grave”. Costantino aggiunge “molte delle coppie alle quali ero affezionato sono state eliminate perché non hanno superato il test fisico”. Come ricorda Teodoli, “I dati di ascolto di Pechino Express sono eccezionali e hanno permesso di svecchiare la tv italiana. Infatti, l’età media dei telespettatori va dai 25 ai 45 anni”. 

un monstruo de mil cabezas rodrigo pla, mostra del cinema di venezia 2015

Mostra del Cinema di Venezia 2015: “Un monstruo de mil cabezas”, il trailer del film di Rodrigo Plà

orso polare gigante greenpeace

Londra, Emma Thompson per Greenpeace: orso polare gigante contro la Shell