in ,

Pechino Express 5, continua il viaggio degli Antipodi: intervista a Roberto Bertolini e Andrea Pinna

Torna questa sera Pechino Express, che andrà in onda su Rai 2 alle ore 21.10. Sono molte le novità della quinta edizione del programma condotto da Costantino Della Gherardesca, a partire dal ritorno di una coppia che ha divertito i telespettatori: gli Antipodi sono partiti anche quest’anno alla volta dei paesi attraverso i quali prende forma l’avventura delle otto coppie di Pechino Express 5. Andrea Pinna e Roberto Bertolini, nelle vesti di “documentaristi”, raccontano al pubblico del programma quello che hanno visto, le esperienze che hanno vissuto attraverso Pechino Addicted: alle 20.35, dal lunedì al venerdì, l’appuntamento è con gli Antipodi su Rai 4. Ecco cosa ci hanno raccontato:

Pechino Addicted è una delle novità di quest’anno, perché voi e perché avete accettato di vivere questa esperienza ancora una volta?

Perché forse l’anno scorso siamo piaciuti. Sai, non sempre le coppie che vincono sono poi quelle che piacciono realmente al pubblico. Noi abbiamo accettato perché Pechino Express ti manca. E’ una di quelle esperienze che quando finisce vuoi rivivere”

Il titolo di quest’anno è Pechino Express – Le Civiltà Perdute: attraverso il vostro viaggio, in cosa avete riconosciuto questo termine?

“Abbiamo visto civiltà che sono state proprio dilaniate dalla dominazione spagnola. Quello che è rimasto è stato spesso bistrattato, quindi sì, il titolo è molto bello e azzeccato”.

Rispetto alle sensazioni che avete vissuto l’anno scorso, cosa cambia quest’anno con Pechino Addicted?

“L’anno scorso abbiamo vissuto una gara, quindi c’era la tensione e la voglia di arrivare fino in fondo. Quest’anno abbiamo avuto la possibilità di vivere il viaggio seguendo i nostri tempi. Sono due esperienze diverse che abbiamo vissuto rimanendo in ogni caso noi stessi”

Belen Rodriguez Instagram Striscia La Notizia, super-selfie che fa sognare i fan

parigi moto esplode davanti sede diplomatica giordana

Francia, 25 enne strangola la madre: voleva impedirgli di partire per la Siria e diventare jihadista